Csárdás (Monti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Csárdás
Monti Csárdás.png
Le prime tredici battute della Csárdás
Compositore Vittorio Monti
Tonalità re minore/re maggiore
Tipo di composizione Csárdás
Numero d'opera n. 1
Epoca di composizione 1904, Parigi
Durata media 4 min 30 s
Organico

violino e pianoforte, spesso trascritta

Ascolto
Registrazioni della The United States Air Force Band (info file)

La Csárdás (altrimenti Czardas o Ciarda) è la composizione più famosa di Vittorio Monti.[1]

È un brano concertistico rapsodico scritto nel 1904, e basato sulla danza popolare e genere musicale ungherese omonimo, la Csárdás appunto.[2] Composta originariamente per violino o mandolino e pianoforte.[3] Oggi, è suonata principalmente sul violino, ma sono frequenti trascrizioni per piano solo, sassofono solo, fisarmonica, o arrangiamenti per orchestra. La durata del brano è di circa quattro minuti e mezzo.[3]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La composizione si può suddividere in sette diverse parti, ciascuna con un diverso tempo e spesso in una diversa tonalità. La prima parte del brano è in re minore, poi modula a re maggiore, torna a re minore, e alla fine conclude in re maggiore. La prima sezione ha per indicazione di tempo Andante Largo, seguito da un molto più veloce Allegro Vivo. Lo segue un movimento molto più lento e compunto Molto Meno, in re maggiore. Il brano rallenta ulteriormente in Meno, Quasi Lento. Poi improvvisamente cresce di velocità e ritorna a re minore: Allegro Vivace. Rallenta in Allegretto e si conclude con Molto Più Vivo. I cambiamenti di tempo rendono il pezzo più vivace, ma anche con tutti questi cambiamenti di tempo, generalmente il tempo è rubato da molti esecutori per rendere più espressivo il brano. Numerosi anche i cambiamenti delle dinamiche, dal pianissimo al fortissimo.

Nel Meno, Quasi Lento, il violino suona numerosi armonici artificiali.

Discografia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

Questi album includono la Csárdás:[3]

Titolo Etichetta Data di registrazione
Gypsy Fire/Tzigane - Esin Engin Orchestra EMI 1990
All Of The World's Most Beautiful Melodies Chandos 1995
Angelic Winters Concas-Mondragon 2002
Best Encores 100 EMI Classics 2009
Clarinet Evergreens Naxos 1997
Classical 2008 EMI Classics 2007
Dances of the World CD Accord 2001
Expressions: The Heart of the Tuba MSR Classics 2005
Fantaisies Classiques Atma Classique 1993
Favourite Flavours Linus 2005
Hungarian Dances Onyx 2008
Key to the Classics Daisy Jopling and Bojan Dugic 2008
Lakatos: King of the Gypsy Violins Capriccio 1999
Music by Monti, Fauré, Ravel, Gershwin et al. Somm 2007
Once Upon A Time [DVD Video] Analekta
Polish Spirit [DVD Video] EMI 2007
Portrait of an Artist: Arnold Jacobs Summit 2000
Romance & Passion Thorofon 2001
Salon Music at Schumann's Bar Edel Music 2005
Salut Salon! Was kann das Herz dafur Warner
Saxomania ASV 1997
Sommerkonzerte Zwischen Donau und Altmühl: Edition '97 Audi 1997
Spanish Guitar Classics, Volume 2 St. Clair 1999
The Budapest Gypsy Orchestra Ode
The Instruments of the Orchestra [Box Set] Naxos 2002
The North Brass Opening Day 1998
The Schiller Family in Concert The Schiller Family 2007
The World's Most Beautiful Melodies, Vol. 5 Chandos 1994
Tracked Quartz 2005
Trio Sonata Concert Gallo 1993
Vengerov and Virtuosi EMI 2001
Vienna Nights Premium Music 1998
Virtuoso Decca 2007
Walking in the Air ASV 1992
Yehudi Menuhin's Young Virtuosi Classic FM 1998
Young Berlin Classics PricewaterhouseCoopers 2007

Una melodia della Csárdás viene anche utilizzata da Lady Gaga nel suo brano Alejandro nell'album The Fame Monster del 2009, oltre che in un duello di violini nel film Un'adorabile infedele.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Monti: Czardas per violino e pianoforte. Z. 13 700 (Editio Musica Budapest).
  • The Celebrated Czardas by V. Monti F 102595 F (G. Ricordi & Co., London Limited)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Monti at the Classical Composers Database
  2. ^ Vittorio Monti at Guild Music
  3. ^ a b c Csárdás at Allmusic

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]