Cristoforo Negri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cristoforo Negri

Cristoforo Negri (Milano, 13 giugno 1809Torino, 1896) è stato un politico e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò a Pavia, Graz, Praga e Vienna, in seguito divenne docente di scienze politiche all'università di Padova. Fece parte del gabinetto Gioberti (1848). Dopo la battaglia di Novara entrò in diplomazia e restò al ministero degli esteri sotto Massimo D'Azeglio, Urbano Rattazzi e Cavour.

Fu il primo presidente della Società Geografica Italiana, dal 1867 al 1872; rilevante la nomina nel 1870, durante la sua presidenza, di Charles Darwin a socio onorario della medesima. Fu console generale ad Amburgo dal 1873 al 1874 e successivamente si ritirò a vita privata a Torino. Nel 1884 partecipò come delegato italiano alla Conferenza dell’Africa Occidentale di Berlino[1] e sei anni dopo venne nominato senatore del Regno d'Italia.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Memorie storico-politiche dei Greci e dei Romani, Torino, 1842.
  • La grandezza italiana, studi, confronti e desiderii, Torino, Tipografia Paravia e Comp., 1864.
  • La storia politica dell'antichità, 2 voll., Venezia, 1866.
  • Due mesi di escursione alle coste Belgiche, Olandesi e Germaniche: ricordi e riflessioni. Firenze, Gazzetta, 1871.
  • I passati viaggi antartici e l'ideata spedizione italiana: Riflessi. Genova, Istituto de' Sordo-Muti, 1880.
  • Le memorie di Giorgio Pallavicino, Torino, 1882.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Angelo Del Boca Gli italiani in Africa Orientale, Vol.1, p.233.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Karl von Reinhardstöttner, Cristoforo Negri: Nota biografica, Estratto dal Bollettino della Società Geografica Italiana, luglio 1889.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Attilio Mori, «NEGRI, Cristoforo» la voce nella Enciclopedia Italiana, Volume 24, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1934.
  • Marco Maggioli, «NEGRI, Cristoforo» in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 78, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013.

Controllo di autorità VIAF: 51992664 LCCN: n88125391