Coda di Volpe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Coda di Volpe (disambigua).

La Coda di Volpe (denominato anche Caprettone nella zona del Vesuvio) è un vitigno a bacca bianca, già diffuso nell'antica Roma.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La più antica citazione del vitigno risale a Plinio il Vecchio, che parla di «caudas vulpium» nel libro XIV della sua Naturalis Historia.[1] Le viti erano coltivate alle falde del Vesuvio, in particolar modo nella zona di Trecase e Boscotrecase, dalle famiglie benestanti dell'epoca tra cui gli Izzo.

Il nome del vitigno deriva dalla forma curva della piega apicale del grappolo, simile alla coda della volpe.[2] Una delle famiglie più note per la produzione passata del vino omonimo è la famiglia Izzo, assieme ad altre, che producevano il vino lungo le vaste terre situate alle falde del Vesuvio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wikisource, Plinio il Vecchio, Naturalis Historia
  2. ^ Vinoè - Vitigni autoctoni - Coda di Volpe