Claudio Varese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varese, il terzo da sinistra, con Bigongiari, Macrì, Gerola, Pampaloni e Parronchi

Claudio Varese (Sassari, 23 agosto 1909Viareggio, 10 dicembre 2002) è stato un critico letterario e insegnante italiano.

[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si laurea presso la Scuola Normale Superiore di Pisa con Attilio Momigliano, di cui fu assistente dal 1930 al 1933. Gli amici di quegli anni erano: Delio Cantimori, Carlo Ludovico Ragghianti, Aldo Capitini, Claudio Baglietto, Walter Binni, Giuseppe Dessì.

Ha seguito da vicino l'opera di scrittori/amici quali Giuseppe Dessì e Giorgio Bassani. Ha collaborato con molte riviste, tra cui L'Espresso. Ha insegnato presso le Università di Urbino e Firenze, dove fu il titolare di una cattedra di letteratura italiana alla Facoltà di Magistero.

Cultore di cinema (vedi il volume Cinema arte e cultura 1963), ha scritto su Dante Alighieri, il Quattrocento, Torquato Tasso, il Seicento, Metastasio, il teatro del Settecento, Ugo Foscolo, Alessandro Manzoni e Giovanni Pascoli.

Il nipote, Federico Varese, è professore di criminologia presso l'Università di Oxford.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Cultura letteraria contemporanea (Pisa: Nistri Lischi, 1951)
  • Storia e politica nella prosa del Quattrocento (Torino: Einaudi, 1961)
  • Cinema arte e cultura (Padova: Marsilio, 1963)
  • Fermo e Lucia. Un'esperienza manzoniana interrotta (Firenze: La Nuova Italia, 1964)
  • Pascoli decadente, Tasso ed altri saggi (Firenze: Sansoni, 1964)
  • Occasioni e valori della letteratura contemporanea (Bologna: Cappelli, 1967)
  • L'originale ed il ritratto. Manzoni secondo Manzoni (Firenze: La Nuova Italia, 1975)
  • Torquato Tasso: Epos - parola - scena (G.D'Anna, 1976)
  • Ugo Foscolo: Autobiografia Dalle Lettere (1979)
  • Manzoni uno e molteplice. Con un'appendice su Tommaseo (1992)
  • Sfide del Novecento. Letteratura come scelta (Firenze, Le Lettere, 1992)
  • Foscolo: Sternismo, tempo e persona (Ravenna: Longo, 1982)

Edizioni curate[modifica | modifica sorgente]

  • Prosatori volgari del Quattrocento a cura di Claudio Varese. Milano: Ricciardi, 1955.
  • Gerusalemme liberata di Torquato Tasso a cura di Claudio Varese e Guido Arbizzoni. Milano: Mursia, 1983.
  • Aminta di Torquato Tasso a cura di Claudio Varese. Milano: Mursia, 1985.

Opere su Claudio Varese[modifica | modifica sorgente]

Scritti su Claudio Varese[modifica | modifica sorgente]

  • A. Dolfi, Varese e le sfide della letteratura, in "Esperienze letterarie", 1994, n. 1, pp. 95-102.

Carteggi[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La scomparsa di Claudio Varese, La Repubblica, 12.12.2002.