Chris Rossouw (rugbista 1969)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chris Rossouw
Dati biografici
Nome Christiaan le Cordeur Rossouw
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 183 cm
Peso 105 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tallonatore
Ritirato 2000
Carriera
Attività provinciale
1996-1997 Golden Lions Golden Lions
1998-2000 Natal Sharks Natal Sharks
Attività di club¹
1996-1998 Cats Cats
1998-2000 Sharks Sharks
Attività da giocatore internazionale
1995-1999 Sudafrica Sudafrica 9 (10)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1995
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1999

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 23 agosto 2011

Christiaan le Cordeur Rossouw (Delmas, 14 settembre 1969) è un ex rugbista a 15 sudafricano, tallonatore, campione del mondo 1995 con gli Springbok.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Tallonatore della compagine provinciale del Transvaal (oggi Golden Lions), in Currie Cup, Rossouw esordì in Nazionale nel 1995 nel corso di un test match a Johannesburg contro Samoa, partita in cui mise a segno anche una meta.

Convocato, con solo quella presenza internazionale, alla successiva Coppa del Mondo di rugby 1995, mise a segno la sua seconda e ultima meta per gli Springbok nuovamente contro la compagine samoana[1]; al termine del torneo si laureò campione del mondo.

Passato professionista nelle file dei Cats, franchise del Transvaal, nel 1998 si trasferì agli Sharks; nel 1999, sotto la gestione di Nick Mallett, Rossouw fu richiamato in Nazionale dopo 4 anni di assenza (la sua presenza più recente essendo, all'epoca, la finale della Coppa del 1995); fu incluso quindi nella rosa alla Coppa del Mondo di rugby 1999[2] che il Sudafrica concluse al terzo posto: l'ultima presenza internazionale di Rossouw fu proprio quella nella finale di consolazione del torneo.

Da dopo il ritiro, nel 2000, Rossouw si è dedicato alla carriera dirigenziale e imprenditoriale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Owen Slot, Williams springs into action in the Independent, 11 giugno 1995. URL consultato il 23-8-2011.
  2. ^ (EN) Chris Hewett, Rugby World Cup: Springboks' mindset difficult to determine in the Independent, 27 settembre 1999. URL consultato il 23-8-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]