James Small

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Small
Dati biografici
Nome James Terence Small
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 183 cm
Peso 93 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tre quarti ala
Ritirato 1999
Carriera
Attività provinciale
1987-96 Natal Sharks Natal Sharks
Attività di club¹
1996 Sharks Sharks
1997 Stormers Stormers
1998-99 Cats Cats
Attività da giocatore internazionale
1992-97 Sudafrica Sudafrica 47 (100)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1995

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 18 ottobre 2011

James Terence Small (Città del Capo, 10 febbraio 1969) è un ex rugbista a 15 sudafricano, già tre quarti ala campione del mondo 1995 con gli Springbok.

Cenni biografici[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nei Natal Sharks, esordì in Nazionale sudafricana nel 1992 a Johannesburg contro la Nuova Zelanda; un anno più tardi, a Brisbane contro l'Australia, si aggiudicò il record negativo di primo Springbok a subìre un'espulsione, nella fattispecie per insulti all'arbitro[1]

Prese parte con 4 incontri alla vittoriosa Coppa del Mondo di rugby 1995 e in quello stesso anno si aggiudicò anche la Currie Cup con i Natal Sharks, per i quali divenne professionista l'anno successivo in Super Rugby. Nel 1997 si trasferì al Western Province e alla sua relativa franchise, gli Stormers[2], e l'anno successivo fu ai Cats, formazione del Transvaal.

Nel 1999, dopo 12 anni di rugby di club, decise il ritiro a soli 30 anni[3].

Dopo il ritiro ha avviato un'attività commerciale di ristorazione, il Café Caprice a Città del Capo.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Chris Thau, Small Steps Into History: Australia Level Series in The Independent, 16 agosto 1993. URL consultato il 18-10-2011.
  2. ^ Krige, op. cit., pag. 63
  3. ^ (EN) James Small Decides To Calls It A Day in All Africa, 24 giugno 1999. URL consultato il 18-10-2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]