Cecilia Metella Balearica Maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cecilia Metella Balearica Maggiore (latino: Caecilia Metella Balearica; ... – ...) figlia di Quinto Cecilio Metello Balearico, fu una vergine vestale e una sacerdotessa della dea Giunone Sospita.

Con la sua influenza riuscì a salvare il giovane Giulio Cesare dall'ira del dittatore Lucio Cornelio Silla, che lo aveva condannato a morte per aver rifiutato di divorziare Cornelia Cinna Minore. Fu anche la protettrice di Sesto Roscio, difeso da Cicerone e dai suoi nipoti Quinto Cecilio Metello Celeree Quinto Cecilio Metello Nepote Minore nella celebrata orazione Pro Roscio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuel Dejante Pinto de Magalhães Arnao Metello and João Carlos Metello de Nápoles, "Metellos de Portugal, Brasil e Roma", Torres Novas, 1998

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]