Quinto Cecilio Metello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Quinto Cecilio Metello (disambigua).
Quinto Cecilio Metello
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Gens Cecilia
Consolato 206 a.C.

Quinto Cecilio Metello (in latino: Quintus Caecilius Metellus; 250 a.C. circa – 175 a.C.) è stato un politico romano durante l'epoca repubblicana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Lucio Cecilio Metello fu pontefice massimo nel 216 a.C.,[1] edile nel 209 a.C. e nel 208 a.C., console nel 206 a.C., dittatore nel 203 a.C. e ambasciatore alla corte di Filippo V di Macedonia nel 185 a.C.

Servì come legatus nell'esercito di Gaio Claudio Nerone e partecipò alla guerra contro Annibale. Nel 201 a.C. fece parte della commissione istituita per la ripartizione dei terreni del Sannio e dell'Apulia ai soldati che aveva partecipato alla guerra. Si distinse anche come oratore, soprattutto per il discorso tenuto al funerale del padre, riportato da Plinio il Vecchio.[2]

Fu il padre di Quinto Cecilio Metello Macedonico e di Lucio Cecilio Metello Calvo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Livio, XXIII, 21.7.
  2. ^ Naturalis historia VII, 139-140

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Caecilii Metelli

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Gaio Claudio Nerone
e
Marco Livio Salinatore II
(206 a.C.)
con Lucio Veturio Filone
Publio Cornelio Scipione Africano
e
Publio Licinio Crasso Divite