Marco Cecilio Metello (figlio di Lucio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Cecilio Metello (latino: Marcus Caecilius Metelli) fu un politico romano dell'epoca repubblicana, figlio di Lucio Cecilio Metello.

Fu catturato dopo la sconfitta nella battaglia di Canne contro Annibale, nel 216 a.C.; il comandante dell'esercito era Lucio Emilio Paolo.

Tornato a Roma fu eletto questore nel 214 a.C., tribuno della plebe nel 213 a.C., per poi diventare edile nel 209 a.C. e pretore nel 206 a.C..

Fu inviato nel 205 a.C. come ambasciatore alla corte di Attalo I. Fu inoltre uno dei primi filelleni.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Manuel Dejante Pinto de Magalhães Arnao Metello and João Carlos Metello de Nápoles, "Metellos de Portugal, Brasil e Roma", Torres Novas, 1998

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]