C/2009 F6 Yi-SWAN

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
C/2009 F6 Yi-SWAN
Scoperta 29 marzo 2009
Scopritori Dae-am Yi - SOHO
Parametri orbitali
(all'epoca 2454975,5
24 maggio 2009[1])
Semiasse maggiore 512,34 UA
Perielio 1,274 UA
Afelio 1023,401 UA
Periodo orbitale 11596,92 anni
Inclinazione orbitale 85,765°
Eccentricità 0,9975
Longitudine del
nodo ascendente
278,679°
Argom. del perielio 129,772°
Par. Tisserand (TJ) 0,113 (calcolato)
Ultimo perielio 7 maggio 2009
Dati osservativi
Magnitudine app.
12,0(magnitudine)[2] (max)

Magnitudine ass.

9,7 (totale)
13,2 (del nucleo)

La C/2009 F6 Yi-SWAN è una cometa a lunghissimo periodo per cui è classificata tra le comete non periodiche.

Orbita[modifica | modifica sorgente]

Particolarità della cometa è di avere un'orbita quasi perpendicolare alle orbite dei pianeti e di avere una MOID con l'orbita del pianeta Marte molto piccola, simile a quella, ancor più piccola, della cometa C/2013 A1 Siding Spring: la cometa è passata in un punto dello spazio poco più di 140 giorni prima che Marte passasse quasi nello stesso punto[3].

Scoperta[modifica | modifica sorgente]

L'astrofilo statunitense Robert D. Matson esaminando immagini riprese dallo strumento SWAN, uno dei dodici strumenti installati sulla sonda SOHO scoprì la cometa nelle immagini riprese a partire dal 29 marzo 2009[4][5]. Il giorno dopo la pubblicazione dell'annuncio della scoperta venne fuori che il 26 marzo un altro astrofilo, il sudcoreano Dae-am Yi, aveva già fotografato e scoperto la cometa[6], nello stesso giorno veniva fuori che in effetti un altro astrofilo, il russo Stanislav Korotkiy, aveva già fotografato la cometa il 25 marzo ma non si era accorto dell'oggetto perdendo così la possibilità di dare il suo nome alla cometa[7].

Denominazione della cometa[modifica | modifica sorgente]

Secondo le convenzioni astronomiche internazionali gli asteroidi e le comete ricevono un nome provvisorio che comprende l'anno della scoperta e una lettera che cambia progressivamente ogni metà mese ed eventualmente un numero progressivo, per le sole comete si aggiunge prima dell'anno una lettera per indicare il tipo di orbita e/lo status dell'oggetto ed il nome del o dei scopritori fino ad un massimo di tre nomi: nel caso di questa cometa si ha quindi C per cometa non periodica, 2009 per l'anno della scoperta, F per la seconda metà di marzo, 6 in quanto sesta cometa di cui è stata annunciata la scoperta nella seconda metà di marzo, ma allora perché non è stato attribuito alla cometa il nome (in effetti il cognome) di Robert D. Matson? Perché al suo posto figura SWAN, che è il nome, perdipiù un acronimo, di uno dei dodici strumenti di una sonda? Perché, sempre per convenzione astronomica internazionale, gli oggetti scoperti nel corso di un programma di ricerca svolto da un team (in italiano gruppo o squadra di ricerca) o da un satellite vengono attribuite cumulativamente all'intero team, nel caso dei satelliti al team che si occupa della riduzione dei dati: nel caso delle comete scoperte dalla SOHO, come pure con altri satelliti, il nome dello scopritore reale, in questo caso un astrofilo esterno al team, non viene citato ma la cometa prende il nome del satellite, quindi questa cometa ha assunto la denominazione di C/2009 F6 Yi-SWAN, l'astrofilo russo non è stato preso in considerazione in quanto l'interessato non si è accorto di aver osservato una cometa ancora sconosciuta e l'annuncio della sua osservazione è avvenuto dopo che la scoperta della cometa era già stata pubblicata, perdendo così l'occasione di denominare, da solo, la nuova cometa.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) C/2009 F6 (Yi-SWAN)
  2. ^ (EN) MPEC 2009-G21 : COMET C/2009 F6 (YI-SWAN)
  3. ^ (EN) C/2009 F6 (Yi-SWAN)
  4. ^ (EN) Circolare IAUC n. 9034 del 6 aprile 2009
  5. ^ (EN) Tuesday, April 7, 2009 New Comet 2009 F6
  6. ^ (EN) Circolare IAUC n. 9035 del 7 aprile 2009
  7. ^ (EN) BAA Comet Section : Comets discovered in 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare