Beverly Hills Chihuahua 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beverly Hills Chihuahua 2
Titolo originale Beverly Hills Chihuahua 2
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2011
Durata 89 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,78 : 1
Genere commedia d'avventura
Regia Alex Zamm
Sceneggiatura Dannah Feinglass Phirman, Danielle Schneider
Produttore Mike Callaghan, David Hoberman, Brad Krevoy, Philip Poole e Sara E. White
Distribuzione (Italia) Walt Disney Pictures
Fotografia Robert Brinkmann
Montaggio Marshall Harvey, Heath Ryan
Effetti speciali Jason Collins, Rene Diamante e Elvis Jones
Musiche Chris Hajian
Scenografia Richard Holland
Costumi Kristin M. Burke
Trucco David Danon, Geri B. Oppenheim e Nina Paskowitz
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Beverly Hills Chihuahua 2 è un film del 2011 prodotto dalla Walt Disney Pictures e diretto da Alex Zamm. Il film parla di Papi e Chloe che diventeranno genitori di 5 cuccioli.

Trama[modifica | modifica sorgente]

I due "sposati" neo-genitori cani, Papi e Chloe, stanno cercando di mantenere l'ordine nella loro nuova famiglia, ingranditasi dopo la nascita di cinque piccoli cuccioli, da Papi jr. a Rosa, che vivono tutti con il padrone giardiniere Sam a villa Ashe con la vicina casa dell'uomo, ma ora conosceranno la casa dei genitori di Sam, questi ultimi ed il loro cane Pedro, il fratello adottivo di Papi. Anche i genitori hanno studiato e sanno bene lo spagnolo, proprio come Sam nel primo film; forse sono emigrati messicani prima che Sam nascesse. Papi, però, non si comporta come un padre con i suoi piccoli, con grande disappunto di Chloe. In questo film i rispettivi padroni dei cani, Vivian Ashe e Sam, sono rispettivamente lei in viaggio in Congo, con la nipote Rachel, e lui promesso sposo di Rachel, ma, purtroppo, in preda a problemi finanziari con la casa dei suoi genitori. Con una serie di bollette da pagare, la casa rischia di essere messa all'asta e di diventare proprietà della banca californiana di Beverly Hills: il banchiere, tra l'altro amante dei gatti e vittima di rapine da tre mesi, dopo un controllo dell'immobile rovinato da Papi (ribelle all'esproprio), li sfratta ufficialmente entro tre giorni. Nel frattempo Delgado, il cane poliziotto messicano del precedente film, sapendo che Beverly Hills segna il confine tra Stati Uniti e Messico, giunge a quattro zampe in California, per rivedere Chloe e Papi, ma anche per rivedere i suoi due figli adolescenti, che ora sono cani poliziotti di Beverly Hills: quando, anni prima, il cane El Diablo era ancora in libertà, disse al vedovo Delgado che si sarebbe vendicato sui suoi cuccioli per l'arresto di un suo addestratore criminale, perciò Delgado, non immaginando di riuscire a catturare il feroce cane (infatti ci riuscì solo alla fine del precedente film) ed attraversando a zampe il confine con gli Stati Uniti, lasciò i suoi cuccioli neonati proprio davanti alla porta del commissariato di polizia di Beverly Hills per farli stare al sicuro e fargli fare il suo abile lavoro, tornandosene subito dopo in Messico, prima di essere incapace in una missione e di essere catturato da Vasquez, come lo abbiamo visto all'inizio del primo film. Ora Delgado rivede i suoi figli, accompagnato da Chloe al commissariato per riportarli in Messico, ma essi, riconoscendolo per il collare di polizia messicana, lo allontanano, credendo che lui li abbia abbandonati, anche perché dicono di essere troppo occupati per indagare sulle rapine in banca che stanno avvenendo da tre mesi. Intanto Sam e i suoi genitori decidono di partecipare a una mostra canina, portando i loro cani e Delgado, per vincere i soldi che servono per il mutuo della casa. Papi vince, ma per mancanza di pedigree (a causa di una donna arrogante e del giudice), viene squalificato. Tutto sembra perduto, anche dopo che Rachel ha lasciato la casa di sua zia Vivian a Sam ed ai genitori, ma Papi jr. non si arrende e, ricordando le storie che il padre gli raccontava, va con gli altri cuccioli al commissariato per dire ai figli di Delgado di farsi aiutare con i soldi, ma dicono anche che Delgado li voleva bene e che li lasciò per proteggerli. Ma proprio dopo questi fatti, i figli di Delgado devono andare alla banca con i padroni poliziotti per fermare dei rapinatori, i quali non sono altro che i falsi panettieri Hoffman: sono proprio loro gli incubi del banchiere amante dei gatti, che da tre mesi veniva derubato, e, tra i soldi rubati dagli Hoffman, ci sono anche quelli dei genitori di Sam, i quali per questo non potevano pagare più il mutuo della casa, perché i loro soldi erano stati presi; i figli di Delgado, quando voltarono le spalle al padre e dissero che dovevano indagare sulle rapine, volevano intendere proprio quelle dei panettieri Hoffman. I due cani poliziotti, per sbaglio, si portano dietro anche i cuccioli, che vengono così ripresi dal telegiornale e Sam, guardandolo, corre con Papi, Pedro, Chloe e Delgado sul posto. I cuccioli sfruttano l'occasione per prendere i soldi dei rapinatori Hoffman e pagare il mutuo con le bollette, ma finiscono loro stessi rapiti involontariamente dai criminali Hoffman insieme ai soldi. I criminali, però, dimenticano a terra un passamontagna e Delgado, annusandolo insieme ai figli, capisce che odora di pane e va nella fabbrica Hoffman, la panetteria più vicina alla banca, seguito da Papi, Chloe, Pedro e i figli, che attirano anche la polizia. Dopo una lotta dura nel panificio, i cuccioli vengono liberati insieme ai soldi ed i criminali atterrati insieme al loro capitano calvo, e poi "impastati" da Papi. Papi, tornando a casa, dà una giusta punizione ai figli, diventando finalmente un padre giusto per loro, proprio come voleva Chloe. I criminali Hoffman vengono arrestati e, per la loro cattura, tutti i cani di Sam, compreso il padrone stesso, guadagnano una ricompensa di duecentomila dollari, con la quale Sam salva la casa e paga il mutuo, ringraziato dal banchiere, che, per aver ritrovato i suoi soldi, dimostra di avere un buon cuore. Rachel torna dal Congo e, sotto gli occhi di sua zia e dei genitori di Sam, accetta di sposarsi felice con quest'ultimo. Durante i festeggiamenti si unisce anche Delgado, il quale ora ha fatto pace con i figli, che adesso sanno le sue buone intenzioni di un tempo, e ha deciso di non tornare più in Messico, ma di rimanere con loro come cane poliziotto di Beverly Hills, ed anche per stare vicino alla famiglia di Sam, dato che un poliziotto ha letto il suo collare e si è messo in contatto con la polizia messicana, per riferire che ora lui è della polizia statunitense, cosa che il commissario messicano accetta.

Prequel e sequel[modifica | modifica sorgente]

Questo è il secondo film uscito dopo Beverly Hills Chihuahua diretto da Raja Gosnell uscito del 2008 e prima di Beverly Hills Chihuahua 3: Viva La Fiesta! diretto da Lev L. Spiro uscito nel 2012.

Note[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]