Banská Štiavnica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il distretto omonimo, vedi Distretto di Banská Štiavnica.
Banská Štiavnica
città
Banská Štiavnica – Stemma
Banská Štiavnica – Veduta
Dati amministrativi
Stato Slovacchia Slovacchia
Regione Banskobystricky vlajka.svg Banská Bystrica
Distretto Banská Štiavnica
Sindaco Pavol Balžanka
Territorio
Coordinate 48°27′31″N 18°53′35″E / 48.458611°N 18.893056°E48.458611; 18.893056 (Banská Štiavnica)Coordinate: 48°27′31″N 18°53′35″E / 48.458611°N 18.893056°E48.458611; 18.893056 (Banská Štiavnica)
Altitudine 621[1] m s.l.m.
Superficie 46,74 km²
Abitanti 10 477[2] (31 dicembre 2009)
Densità 224,15 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 969 01
Prefisso 045
Fuso orario UTC+1
Targa BS
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Slovacchia
Banská Štiavnica
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Città storica di Banská Štiavnica ed i Monumenti Tecnici nelle sue vicinanze
(EN) Historic Town of Banská Štiavnica and the Technical Monuments in its Vicinity
SK BS Trinity Square.PNG
Tipo Culturali
Criterio (iv) (v)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1993
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Banská Štiavnica (in tedesco Schemnitz, in ungherese Selmécbánya) è una città della Slovacchia, capoluogo del distretto omonimo, nella regione di Banská Bystrica.

Abbarbicata in mezzo agli Štiavnické vrchy (monti di Štiavnica), la cittadina, di matrice industriale, conserva il suo impianto di abitato minerario medievale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Noto dal 1075, l'abitato si popolò di minatori tedeschi chiamati nei documenti medioevali Saxones - Baumgartner, Rubigall e Hallenbach sono nomi di famiglie che avevano casa in piazza - guadagnandosi i diritti di città fin dal 1244. Tra il 1400 e il 1500 le tecniche di estrazione dell'oro e argento si affidavano a principi d'avanguardia e l'appalto delle miniere cittadine era appannaggio dei Fugger di Augusta, banchieri dell'Impero. Nella seconda metà del XVII secolo, la città contava 25 mila abitanti di lingua tedesca, ungherese e slovacca, ed era la terza per popolazione nel Regno d'Ungheria. Un'importantissima scuola di tecnica mineraria, aperta nel 1735, ha continuato a funzionare ininterrottamente fino al 1918. Nel 1993 l'abitato storico è stato incluso tra i beni culturali protetti a livello mondiale dall'UNESCO.

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

La città conserva numerosi monumenti: la colonna dedicata alla Santissima Trinità nella piazza omonima, la chiesa di Santa Caterina, di origini gotiche, già chiesa dei minatori, Casa Hallenbach, il Municipio, anch'esso di origini gotiche, lo Starý zamok (Castello vecchio), costruito in funzione anti-turca, la Klopačka, edificio del 1544, la cui campana scandiva il tempo del lavoro minerario, la chiesa gotica di Frauenberg, dedicata alla Vergine Maria della Neve, ed infine l'elegante Piargska brana (porta della città) del 1544 e rimaneggiata nel 1751.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Dati forniti dall'Istituto statistico slovacco. URL consultato il 6 aprile 2011.
  2. ^ (EN) Demography (31.12.2010), Istituto Statistico della Repubblica Slovacca. URL consultato il 12-3-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]