Atletica leggera ai Giochi della XXV Olimpiade - 1500 metri piani maschili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
1500 metri piani maschili
Barcellona 1992
Informazioni generali
Luogo Stadio del Montjuic di Barcellona
Periodo 3-8 agosto 1992
Partecipanti 51
Podio
Medaglia d'oro Fermin Cacho Spagna Spagna
Medaglia d'argento Rachid El-Basir Marocco Marocco
Medaglia di bronzo Mohamed Suleiman Qatar Qatar
Edizione precedente e successiva
Seul 1988 Atlanta 1996
Atletica leggera ai
Giochi di Barcellona 1992
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini donne
3000 metri donne
5000 metri uomini
10000 metri uomini donne
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/100 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 10 km donne
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Tiro del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne

I 1500 metri piani hanno fatto parte del programma maschile di atletica leggera ai Giochi della XXV Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 3-8 agosto 1992 allo Stadio del Montjuic di Barcellona.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Primatista mondiale 3'29"46 1985 Marocco Said Aouita Infortunato
Campione olimpico 1988 3'35"96 Kenya Peter Rono N. Qual.
Campione Europeo 1990 3'38"35 Germania Est Jens-Peter Herold Presente
Campione mondiale 1991 3'32"84 Algeria Noureddine Morceli Presente

La gara[modifica | modifica wikitesto]

La prima semifinale si corre a un ritmo lento; si arriva ad un volatone finale con sette atleti che giungono appaiati al traguardo. Tutti i favoriti si qualificano; Gennaro Di Napoli rimane fuori dalla finale per un centesimo di secondo.
Anche nella seconda serie i favoriti della vigilia passano il turno.
In finale tutti i migliori si studiano, di conseguenza il ritmo di gara è lentissimo. Per fare 800 metri passano 2'08", un tempo più lento della gara femminile. Al suono della campanella dell'ultimo giro la gara si accende: tutti contro tutti. All'inizio dell'ultima curva emerge dal gruppo lo spagnolo Fermin Cacho che con una gran volata s'invola solitario verso il traguardo. Nel rettilineo finale il marocchino El Basir rimonta dall'ottava posizione ed agguanta l'argento. Il connazionale Noureddine Morceli, campione del mondo, sbaglia completamente gara (settimo in 3'41"70); dovrà aspettare quattro anni per ottenere un risultato migliore.
Il campione europeo Jens-Peter Herold giunge sesto in 3'41"53.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Turni eliminatori[modifica | modifica wikitesto]

4 Batterie 3 agosto 51 partenti Si qualificano i primi 5
+ i 4 migliori tempi.
2 Semifinali 5 agosto 12 + 12 Si qualificano i primi 5
+ i 2 migliori tempi.
Finale 8 agosto 12 concorrenti

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos Paese Atleta Tempo
Gold medal.svg Spagna Spagna Fermin Cacho 3'40"12
Silver medal.svg Marocco Marocco Rachid El-Basir 3'40"62
Bronze medal.svg Qatar Qatar Mohamed Sulaiman 3'40"69