Atletica leggera ai Giochi della XXV Olimpiade - 100 metri ostacoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera olimpica Atletica leggera
100 metri ostacoli
Barcellona 1992
Informazioni generali
Luogo Stadio del Montjuic di Barcellona
Periodo 5-6 agosto 1992
Partecipanti 38
Podio
Medaglia d'oro Paraskevi Patoulidou Grecia Grecia
Medaglia d'argento LaVonna Martin Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia di bronzo Jordanka Donkova Bulgaria Bulgaria
Edizione precedente e successiva
Seul 1988 Atlanta 1996
Atletica leggera ai
Giochi di Barcellona 1992
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini donne
3000 metri donne
5000 metri uomini
10000 metri uomini donne
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/100 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 10 km donne
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Tiro del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne

I 100 metri ostacoli hanno fatto parte del programma femminile di atletica leggera ai Giochi della XXV Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 5-6 agosto 1992 allo Stadio del Montjuic di Barcellona.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica sorgente]

Campionessa olimpica 1988 12"38 Bulgaria Jordanka Donkova Presente
Campionessa europea 1990 12"79 Francia Monique Ewanjé-Épée Presente
Campionessa mondiale 1991 12"59 URSS Ljudmila Narozhilenko Presente
Primatista stagionale 12"26, 6 giugno URSS Ljudmila Narozhilenko Presente

La gara[modifica | modifica sorgente]

La campionessa europea in carica, Monique Ewanjé-Épée, è presente per onore di firma ed esce al primo turno.
Nei Quarti la leader mondiale, Ljudmila Narozhilenko, sente il riacutizzarsi di un infortunio al tendine del ginocchio. Non si presenta in semifinale. La gara perde una sicura protagonista.
I favori del pronostico vanno a Gail Devers, che ha vinto l'oro nei 100 piani. L'americana si nasconde in semifinale, dove giunge seconda nella propria serie.
In finale scatta benissimo dai blocchi. Conduce la gara fino all'ultimo ostacolo, quando inciampa clamorosamente, perde il ritmo ed arriva solo quinta.
La gara sorride alla greca Paraskevi Patoulidou, che coglie un oro inatteso. La campionessa uscente, Jordanka Donkova, ferma i cronometri su 12"70 ed è terza.

Paraskevi Patoulidou è la prima donna greca a vincere un oro olimpico.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Turni eliminatori[modifica | modifica sorgente]

5 Batterie 5 agosto 38 partenti Si qualificano le prime 4
+ i 4 migliori tempi.
3 Quarti di finale 5 agosto 8 + 8 + 8 Si qualificano le prime 4
+ i 4 migliori tempi.
2 Semifinali 6 agosto 8 + 8 Si qualificano le prime 4.
Finale 6 agosto 8 concorrenti

Finale[modifica | modifica sorgente]

Pos Paese Atleta Tempo
Gold medal.svg Grecia Grecia Paraskevi Patoulidou 12"64
Silver medal.svg Stati Uniti Stati Uniti LaVonna Martin 12"69
Bronze medal.svg Bulgaria Bulgaria Jordanka Donkova 12"70