Antimoniuro di indio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antimoniuro di indio
frammento di antimoniuro di indio
Nome IUPAC
antimoniuro di indio (III)
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare InSb
Peso formula (u) 236,6
Aspetto solido grigio-argenteo
Numero CAS [1312-41-0]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 5,75
Solubilità in acqua insolubile
Temperatura di fusione 527 °C (800 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante pericoloso per l'ambiente

attenzione

Frasi H 302 - 332 - 411
Consigli P 273 [1]

L'antimoniuro di indio è un materiale semiconduttore composto dalla combinazione degli elementi chimici indio e antimonio. La sua formula chimica è InSb.

Applicazioni[modifica | modifica sorgente]

Viene usato nei componenti elettronici come i diodi laser o nei sensori per il rilevamento di radiazioni del lontano infrarosso o microonde.

Un sensore ad antimoniuro di indio per essere funzionante deve essere posto a temperature molto basse (circa 4 kelvin) al fine di ridurre il rumore termico degli elettroni che altrimenti coprirebbero completamente il segnale. Le radiazioni del lontano infrarosso vengono studiate nelle macchine Tokamak al fine di ricavare la temperatura del plasma interno, ma vengono studiate anche dagli astrofisici per rilevare la radiazione cosmica di fondo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 09.04.2012

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia