Anser indicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oca indiana
Bar-headed Goose - St James's Park, London - Nov 2006.jpg
Anser indicus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Anseriformes
Famiglia Anatidae
Sottofamiglia Anserinae
Tribù Anserini
Genere Anser
Specie A. indicus
Nomenclatura binomiale
Anser indicus
(Latham, 1790)
Sinonimi

Eulabeia indica

L'oca indiana (Anser indicus) è un'oca che nidifica in Asia centrale in colonie di migliaia di esemplari nei pressi dei laghi montani. Depone 3-8 uova in un nido sul suolo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo uccello è generalmente di colore grigio pallido e si distingue facilmente da ogni altra oca grigia del genere Anser per le caratteristiche barre sulla testa, da cui deriva il nome in inglese (Bar-headed Goose). In volo, emette un richiamo simile al suono di un clacson, verso tipico delle oche.

Qualche volta è stata separata dal genere Anser, che non ha nessun membro endemico nella regione indiana e nemmeno nelle regioni etiopica, australiana o neotropicale, ed è stata classificata nel genere monotipico Eulabeia.

L'habitat estivo preferito è quello degli elevati laghi d'altitudine, dove gli uccelli pascolano tra l'erba bassa. Subiscono la predazione delle cornacchie, delle volpi, dei corvi, delle aquile di mare e di altri predatori. La popolazione totale, comunque, sta aumentando di numero.

Decollo a Bharatpur, nel Rajasthan, India.
Oca indiana, Anser indicus, al Centro degli Uccelli Selvatici e delle Aree Paludose di Slimbridge, Inghilterra

L'oca indiana migra oltre l'Himalaya per trascorrere l'inverno in India, Assam, Birmania settentrionale e negli acquitrini del Pakistan. L'habitat invernale dell'oca indiana sono i terreni coltivati, dove questi uccelli si nutrono di orzo, riso e frumento, danneggiando le colture.

L'oca indiana è ritenuta l'uccello che vola più in alto. Secondo alcune voci è stata avvistata in volo sopra le più alte vette dell'Himalaya, cioè oltre gli 8.800 metri. Uno studio della Royal Society condotto nel 2012 ha però accertato un'altezza massima di 7.290 m (durante la migrazione verso sud) e nel 95% dei casi l'altezza rimaneva al di sotto dei 5.490 metri.[1]

Queste altitudini sono comunque molto notevoli, considerando che alla quota di 7.000 m la densità atmosferica è meno della metà di quella al livello del mare, e la temperatura è molto bassa. Queste prestazioni sono rese possibili principalmente da due fattori: l'estensione delle ali (l'oca indiana ha un'apertura alare più grande di quella di altre oche di pari peso) e la concentrazione di emoglobina nel sangue (anch'essa maggiore nell'oca indiana rispetto alle altre oche), che consente un più efficiente trasporto di ossigeno nei tessuti muscolari.[2]

L'oca indiana è considerata un bellissimo uccello ornamentale, e viene spesso allevata in cattività, dove si riproduce facilmente e dalla quale, qualche volta, fugge. Gli avvistamenti in Gran Bretagna sono frequenti, e quasi certamente sono in relazione con queste fughe - comunque, in anni recenti la specie si è riprodotta in alcune occasioni e nel 2002 (anno del più recente rapporto disponibile del Rare Birds Breeding Panel) vennero registrate circa cinque coppie. È probabile che la specie si stia gradualmente stabilendo in questo Paese. Questi uccelli sono socievoli e non causano alcun problema agli altri uccelli. Si crede che la popolazione selvatica stia diminuendo a causa della caccia indiscriminata.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lo studio è stato condotto in Nepal e Tibet da un gruppo di 19 scienziati di dieci diversi paesi.
  2. ^ The paradox of extreme high-altitude migration in bar-headed geese Anser indicus (Settembre 2012).

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli