Anacardiaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Anacardiacee
Anacardium occidentale1.jpg
Anacardium occidentale
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Sapindales
Famiglia Anacardiaceae
R.Br., 1818
Generi

Vedi testo

Le Anacardiacee (Anacardiaceae R.Br., 1818) sono un'importante famiglia di angiosperme dicotiledoni, appartenenti all'ordine delle Sapindali, diffuse soprattutto nei climi caldi.

Il genere che ha dato nome alla famiglia è Anacardium, l'anacardio, noto soprattutto per il frutto (noce di anacardio).

Tra gli altri appartenenti a questa famiglia hanno importanza per l'economia umana soprattutto il mango e il pistacchio. Per scopi ornamentali vengono usati l'albero del pepe, il sommacco e qualche altra specie.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le Anacardiacee sono in grande maggioranza alberi o arbusti sempreverdi.

I fiori, relativamente piccoli e regolari, hanno da tre a cinque petali e sono raccolti in infiorescenze.

I frutti sono di tipo diverso secondo i generi, ma più comunemente sono drupe.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Le Anacardiacee sono rappresentate in tutti i continenti, Europa compresa, prevalentemente nei climi tropicali, ma anche in quelli temperati caldi.

In Italia sono presenti allo stato spontaneo i generi Pistacia, Rhus e Cotinus, quest'ultimo da alcuni autori incluso in Rhus.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia conta 72 generi:[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Genera in Anacardiaceae in Kew Gardens.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica