Alfabloccanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Gli alfabloccanti (detti anche agenti bloccanti alfa adrenergici) sono una classe di farmaci con azione bloccante dei recettori α-adrenergici nelle arterie e nella muscolatura liscia.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Queste molecole possono curare:

Tipi di alfa bloccanti in commercio[modifica | modifica wikitesto]

Gli alfa bloccanti sono:

Il Tamsulosin è relativamente selettivo per l'α1a-adrenergic receptors, che è principalmente presente nella prostata. Esso ha una azione più selettiva sulla BPH, con un impatto minimo sulla pressione sanguigna.

Effetti collaterali ed interazioni[modifica | modifica wikitesto]

Riducendo l'attività α1-adrenergica dei vasi sanguigni, questi farmaci possono causare ipotensione. Pertanto possono causare capogiro, o collasso passando dalla posizione seduta a quella eretta (noto come ipotensione ortostatica o ipotensione posturale). Per questa ragione, generalmente è raccomandato, di assumere gli alfa bloccanti poco prima di andare a letto. Inoltre, il rischio di ipotensione ortostatica può essere ridotto cominciando con una bassa dose e aumentandola poi in base alle reali necessità. Poiché questi farmaci possono provocare abbassamenti di pressione e possono interagire con altri farmaci, occorre valutare la somministrazione contemporanea di antiipertensivi e vasodilatatori.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina