Alessio Bertallot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessio Bertallot
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop rock
Gruppo attuale Aeroplanitaliani
Sito web

Alessio Bertallot (Aosta, 23 novembre 1962[1]) è un conduttore radiofonico, cantante e disc jockey italiano.

Cantante[modifica | modifica sorgente]

Come voce degli Aeroplanitaliani, partecipa col suo gruppo al Festival di Sanremo 1992 ottenendo la vittoria del Premio della Critica con Zitti zitti (Il silenzio è d'oro). Nell' esecuzione live e in diretta fu eseguita una cesura di 30 secondi di totale silenzio[2]: un gesto forte ed esplicativo del senso del brano, che fu, tra l'altro, il primo di genere rap mai portato al Festival. Bertallot fece poi seguire diverse produzioni discografiche, sia soliste che con gli Aeroplanitaliani che con altri artisti, fra cui Poesie Fuoribordo, un crossover tra la poesia di Eugenio Montale, la canzone e l’improvvisazione jazz, e successivamente l'album solista NON, un esperimento di convivenza di parola, poesia, basso e batteria. Dal 2000 è inoltre autore di una serie di compilation, nuove pubblicazioni con Aeroplanitaliani , fra cui i singoli di successo Bella e la cover di Canzone d' Amore del gruppo italiano Le Orme.

Conduttore radiofonico e televisivo[modifica | modifica sorgente]

Parallelamente alla carriera di musicista e cantante Bertallot porta avanti l'attività di conduttore e DJ, presentando programmi sulla musica alternativa sia in TV che in radio. In particolare dal 1996 al 2010 è stato la voce di B Side su Radio Deejay, programma in cui veniva dato ampio risalto ai generi musicali meno noti al grande pubblico, talvolta con l'apporto live degli artisti. Terminata l'esperienza di B Side, dal settembre 2010 a giugno 2013 conduce RaiTunes su Radio2, programma basato anche sulla forte interazione con gli ascoltatori tramite il web. Per Raitunes e per l'insieme di quelle innovazioni sperimentate in radio, nel 2012 gli viene conferito il Premio Flaiano, per la radio. Nel 2012 e 2013 ha prodotto e condotto RaiTune5, programma televisivo su Rai 5. Da settembre 2013 ha iniziato un nuovo progetto: CasaBertallot, un nuovo programma radiofonico in streaming on line (su bertallot.com) . Il programma viene prodotto interamente in casa e distribuito sulla piattaforma di Spreaker. Dal 7 marzo partecipa ad una syndication di radio che ne ripropongono parte dei contenuti.

Sperimentazioni[modifica | modifica sorgente]

Negli ultimi anni ha realizzato idee di contaminazione fra stili, arti ed interazioni fra radio e web. Alcune di questi esperimenti, nati per la radio, sono poi approdati in televisione. Con l'idea delle Jazzapposizioni ha invitato una lunga serie di jazzisti ad improvvisare su brani già editi , a volte storici, di musica elettronica. Con l'idea dei live remix ha unito virtualmente grandi musicisti in band per eseguire nuovi arrangiamenti intorno alle parti solo vocali di brani storici. Intersecando radio in diretta e social network ha consentito agli ascoltatori di diventare parte attiva del programma.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Solista[modifica | modifica sorgente]

Con gli Aeroplanitaliani[modifica | modifica sorgente]

  • 1992: Stile Libero (Sugar)
  • 2004: Sei Felice? (Sugar)
  • 2007: Tuttoattaccato (Sugar)

Con altri artisti[modifica | modifica sorgente]

  • 1996: con Francesco Aroni Vigone: Poesie Fuoribordo (testi di Eugenio Montale) (CMC)
  • 1996: con Luca Carboni: Ex.T. Blu (BMG)
  • 1997: con Patrizia di Malta: Lunghezza D'onda (EMI)
  • 2010: con i Bud Spencer Blues Explosion & Saturnino: Daft Punk is playing at my house

Discografia come deejay[modifica | modifica sorgente]

Compilation[modifica | modifica sorgente]

  • 1997: “B Side” (Virgin)
  • 1998: “B Side” (Sony)
  • 2000: “Bertallosophie” volume 1, 2, 3 (V2)
  • 2005: “Bertallosophie Rew” (V2)
  • 2005: “Bertallosophie FFwd” (V2)
  • 2006: “Altrisuoni Italiani” (V2)
  • 2009: “B Side” (Time records)
  • 2010: “Tracce” (Sony)

Remix[modifica | modifica sorgente]

  • 2002: Lemn: - “Architecture” (V2)
  • 2003: Lou Reed: “Walk On The Wild Side” - Bertallot rmx - (BMG)
  • 2003: Ivan Segreto: “Porta Vagnu” - Bertallot rmx - (Sony)
  • 2007: Ivan Segreto: “ Ampia” – Bertallot rmx - (Sony)

Attività dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Dal 1996 suona in molti club, dai “Magazzini Generali” a Milano (dj resident dal 2002 al 2005) al “Privilege” di Ibiza

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • 1998-1999 MTV (Alt-Mtv)
  • 2008-? All Music (Extra)
  • 2009-? Bonsai Tv (B Side)
  • 2012 -2013 RAI 5 ( Raitune5 )

Radio[modifica | modifica sorgente]

Collaborazioni con:

Stampa[modifica | modifica sorgente]

  • Dal 1998: varie collaborazioni: Musica di Repubblica, Trax, Linus.
  • Dal 2006: GQ
  • Dal 2008: Rolling Stone

Teatro[modifica | modifica sorgente]

  • “Disco Inferno” con Lucilla Giagnoni: viaggio all’Inferno di Dante, di un’attrice e un dj.
  • “Spaesaggi” con Giorgio Albertazzi e Debora Mancini

Libri[modifica | modifica sorgente]

“Luoghi Comuni: lettura con dj” Letture dal libro di Pino Corrias “luoghi Comuni”.

Collaborazioni varie[modifica | modifica sorgente]

  • Soundtrack al film “Nocaut” Amka 2003
  • Collaborazione alla direzione artistica della Heineken Nights di Umbria Jazz, 2001
  • Collaborazione al progetto “Diesel U-Music”
  • Direzione di Replay: Freeplay (2006 e 2007), tour di artisti internazionali.
  • Direzione artistica sezione musicale Festival The Jambo ( 2013 )

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Elenco Iscritti - Pubblicisti A-L, Consiglio Nazionale Ordine dei Giornalisti. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  2. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Primi caduti: Scialpi, Pupo, Formula Tre in Corriere della Sera, 27 febbraio 1992. URL consultato il 20 gennaio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]