Alessandra Acciai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandra Acciai (Roma, 12 dicembre 1965) è un'attrice italiana; lavora in ambito teatrale, cinematografico e televisivo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Esordisce nel 1987, mentre è ancora allieva dell'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica di Roma, sia al cinema sia in televisione. Dalla fine degli ottanta è presente in pellicole di genere brillante facendosi apprezzare per una notevole spontaneità, aiutata anche dal suo aspetto, essendo alta e slanciata.

Negli anni novanta prende parte a un buon numero di film e ottiene nel 1994 una segnalazione come miglior attrice rivelazione dell'anno per il ruolo sostenuto nel film Anni ribelli, regia di Rosaria Polizzi, girato in Argentina, cui ne seguono altri in cui è particolarmente convincente: quello della fidanzata terrorista in La vera vita di Antonio H. (1995), regia di Enzo Monteleone, quindi è fra le tante ragazze che attorniano il protagonista di Uomini senza donne (1996), regia di Alessandro Longoni e, soprattutto, nel ruolo della psichiatra in La classe non è acqua (1997), regia di Cecilia Calvi, a detta di molti la sua interpretazione più riuscita sino a oggi. In seguito partecipa a opere di registi giovani come Claudia Florio, Marco Filiberti ed Eugenio Cappuccio.

Sul piccolo schermo esordisce da protagonista nel 1987 ne Il gioko, un thriller della serie Alta tensione diretto da Lamberto Bava, all'epoca rimasto inedito e mandato in onda da Mediaset soltanto nel luglio 1999. Inizia a farsi notare nel ruolo di Caterina Spago, l'amante di un medico che è casuale testimone di un delitto in Senza perché della serie di grande successo Il maresciallo Rocca, ma coglie un grandissimo successo personale nel ruolo della perfida Cora nella serie televisiva Incantesimo, dove compare per due stagioni consecutive.

Negli anni novanta inizia una buona carriera teatrale, in allestimenti come Ifigenia in Aulide (1990), diretta da Memè Perlini, La valigia di carne (1993), per la regia di Giulio Base, Mani di profilo (1995) di Sibilla Barbieri, Il ceffo sulle scale (1996) di Lorenzo Loris a fianco di Gigio Alberti e infine in Proof - La Formula di David Auburn (2002), dove recita insieme a Rosalinda Celentano nei panni di due sorelle di un matematico geniale e folle alla ricerca di una fantomatica formula del secolo, ruolo che sui palcoscenici d'oltremanica è toccato all'attrice Gwyneth Paltrow.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 303394048 SBN: IT\ICCU\UBOV\493718