Aleksandr Sergeevič Obolenskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Con quale diritto lei gioca per l'Inghilterra?» «Studio a Oxford, signore! »
(Obolenskij a Edoardo, principe di Galles[1])
Aleksandr Obolenskij
Prince Alexander S. Obolensky.jpg
Dati biografici
Nome Aleksandr Sergeevič Obolenskij
Paese Impero russo Impero russo
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Inghilterra Inghilterra
Ruolo Tre quarti ala
Ritirato 1939
Carriera
Attività di club¹
1934-39 Leicester Leicester 17 (?)
Attività da giocatore internazionale
1936 Inghilterra Inghilterra 4 (6)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 28 agosto 2008

Aleksandr Sergeevič Obolenskij (rus. Александр Сергеевич Оболенский; Pietrogrado, 17 febbraio 1916Woodbridge, 29 marzo 1940) fu un aviatore e rugbista a 15 britannico di origine russa; principe della casata ucraina dei Ruriki fu aviatore per la Royal Air Force britannica e giocatore di rugby a 15 per il Leicester e per l'Inghilterra; morì a causa di un incidente aereo a 24 anni, nel 1940.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Obolenskij nacque a Pietrogrado (od. san Pietroburgo) nel 1916, dal principe Sergej Obolenskij, ufficiale delle guardie zariste a cavallo, e da Luba Nariškin. Nel 1917, nel pieno della rivoluzione russa, la famiglia Obolenskij lasciò il Paese per stabilirsi in Gran Bretagna, a Londra.

Aleksandr Obolenskij compì a Oxford gli studi universitari in scienze politiche, filosofia ed economia e, tra l'altro, si mise in luce come tre quarti ala nella squadra del college. Dal 1934 al 1939 giocò per il Leicester e, avendo acquisito nel 1936 la cittadinanza britannica, divenne idoneo a giocare come internazionale.

Il 4 gennaio 1936 Obolenskij, ribattezzato Obo o The Prince dai tifosi, scese in campo con l'Inghilterra per un test match contro la Nuova Zelanda, nazionale contro la quale gli inglesi non avevano mai vinto. Obolenskij marcò due mete in quell'incontro e l'Inghilterra vinse 13-0. Essendo stato l'incontro filmato, la prima meta da lui marcata divenne popolarissima, anche perché fu realizzata al termine di una corsa dalla propria tre-quarti di campo. Tuttora disponibile in video, è ritenuta una delle migliori mete mai marcate dall'Inghilterra[2].

Obolenskij, nel prosieguo dell'anno, disputò il resto dei suoi match in Nazionale, in occasione del Championship 1936, contro Galles, Irlanda e Scozia.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Obolenskij si arruolò in aeronautica e fu assegnato alla 54ª Squadriglia della RAF[3]. Il 29 marzo 1940, atterrando sulla pista dell'aeroporto militare di Marlesham Heath (vicino Woodbridge, Suffolk) al termine di un volo d'addestramento ai comandi di un Hawker Hurricane nell'East Anglia, il suo velivolo finì in un dirupo al termine della pista, procurandogli nell'urto la frattura delle vertebre del collo[4]. Le spoglie di Obolenskij riposano nel cimitero militare di Ipswich.

Nel febbraio 2008 la città di Ipswich diede vita a un progetto per erigere un monumento permanente alla memoria di Obolenskij, che fu ultimato e inaugurato nel 2009[3]; a finanziare il progetto donazioni private, raccolte di fondi e anche il proprietario russo della squadra calcistica londinese del Chelsea Roman Abramovič[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Russia’s Prince of English Rugby in Novosti, 17 febbraio 2012. URL consultato il 16 novembre 2013.
  2. ^ Green Umbrella Productions, 101 Greatest English Tries, DVD. Pubblicazione: 8 novembre 2004.
  3. ^ a b c (EN) Seventy years on, England's Prince Obolensky is still remembered in The Guardian, 24 marzo 2010. URL consultato il 16 novembre 2013.
  4. ^ (EN) Prince Obolensky, 24, Killed in Air Crash. British Flier Was Also an Outstanding Rugby Back. in New York Times, 30 marzo 1940. URL consultato il 28 agosto 2008.
    «Prince Alexander Obolensky, known as “the flying Prince”, was killed today in a flying accident at an East Anglian airport. British Flier Was Also an Outstanding Rugby Back».

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]