Alderamin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Alderamin
Posizione della stella nella costellazione di Cefeo (in basso a destra)Posizione della stella nella costellazione di Cefeo
(in basso a destra)
Classificazione Subgigante bianca
Classe spettrale A7 IV-V
Tipo di variabile Delta Scuti
Distanza dal Sole 48,8 ± 0,4 anni luce
Costellazione Cefeo
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 21h 18m 34,8s
Declinazione +62° 35′ 8″
Dati fisici
Raggio medio 2,5 R
Massa
1,74[1] M
Velocità di rotazione 246 km/s
Temperatura
superficiale
~7.500-8.000 K (media)
Luminosità
18 L
Indice di colore (B-V) 0,22
Dati osservativi
Magnitudine app. 2,45
Magnitudine ass. 1,57[1]
Parallasse 66,84 ± 0,49 mas
Moto proprio Ar:
149,91 mas/anno
Dec:
48,27 mas/anno
Velocità radiale -11,5 km/s
Nomenclature alternative
α Cep (Alpha Cephei), 5 Cephei, BD B+61 2111, HD 203280, HIP 105199, HR 8162, SAO 19302

Alderamin (α Cephei) è una stella della costellazione di Cefeo, distante circa 49 anni luce dalla Terra. Di classe spettrale A7, ha circa il doppio della massa e 1,5 volte il diametro del Sole e 18 volte la sua luminosità.

Poco più massiccia e più calda del Sole, Alderamin sembra essere una stella in fase di transizione dalla sequenza principale ad uno stadio di subgigante.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

La sua posizione è fortemente boreale e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero nord, dove si presenta circumpolare anche da gran parte delle regioni temperate; dall'emisfero sud la sua visibilità è invece limitata alle regioni temperate inferiori e alla fascia tropicale.

La sua magnitudine pari a +2,45 le consente di essere scorta con facilità anche dalle aree urbane di moderate dimensioni.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine giugno e novembre; nell'emisfero nord è visibile anche per tutto l'autunno, grazie alla declinazione boreale della stella, mentre nell'emisfero sud può essere osservata in particolare durante i mesi del tardo inverno australe.

Anomalie[modifica | modifica wikitesto]

Alderamin

Questa stella è caratterizzata da una velocità di rotazione inusualmente elevata (246 km/s all'equatore), all'incirca 125 volte quella del Sole. Normalmente, per stelle di questa massa, la forza di gravità tende a separare gli elementi chimici più leggeri da quelli più pesanti, concentrando quest'ultimi verso il nucleo della stella, ma nel caso di Alderamin l'elevata velocità di rotazione sembra impedire il fenomeno.

Anche l'attività elettromagnetica (che è condizionata dalla velocità di rotazione) appare insolitamente elevata per una stella di questa classe spettrale. Alderamin, infatti, emette all'incirca la stessa quantità di raggi x del Sole. Allo stato attuale, la causa di queste anomalie non è ancora stata chiarita.

Astronomia sferica[modifica | modifica wikitesto]

Sulla sfera celeste, la stella si trova vicina alla traiettoria precessionale del polo nord celeste (ovvero la proiezione del polo nord dell'asse terrestre sulla sfera celeste), con la conseguenza che, ciclicamente, Alderamin diviene quasi una stella polare venendosi a trovare a meno di 3° dal polo nord celeste, due gradi in più della stella polare attuale (α Ursae Minoris). Alderamin si troverà a queste coordinate attorno all'anno 7.500.

Il nome Alderamin è una contrazione del sintagma arabo الذراع اليمين (að-ðirā‘ al-yamīn) che significa «il braccio destro», con l'articolo determinativo traslitterato nell'alfabeto latino in «al» come usualmente avviene per diversi nomi di stelle di origine araba. È conosciuta come 天鉤五 («la quinta stella della falce celeste») nell'astronomia cinese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pizzolato, N., Maggio, A.; Sciortino, S., Evolution of X-ray activity of 1-3 Msun late-type stars in early post-main-sequence phases in Astronomy and Astrophysics, vol. 361, settembre 2000, pp. 614–628.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni