Albert Dietrich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Albert Hermann Dietrich (Forsthaus Golk, 28 agosto 1829Berlino, 20 novembre 1908) è stato un compositore e direttore d'orchestra tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dal 1851 al 1854 studia composizione sotto la guida di Robert Schumann a Düsseldorf, dove incontrerà anche Brahms. Dal 1861 al 1890 è direttore musicale alla corte di Oldenburg.

Insieme a Brahms e a Schumann ha composto nel 1853 la Sonata F.A.E. dedicata, come indovinello a sorpresa, al violinista, e amico, Joseph Joachim (Dietrich ha composto il primo movimento).

È nella biblioteca del suo amico Dietrich che Brahms scopre, nel 1868, in un vecchio volume di poesie di Hölderlin, il poema Hyperions Schicksalslied (originariamente parte del racconto Hyperion), e inizia subito a comporre il suo Schicksalslied per coro e orchestra. Dietrich è stato anche l'arrangiatore strumentale per la prima dell'Ein deutsches Requiem a Brema, nel 1868.

I suoi Erinnerungen an Johannes Brahms (Ricordi di Johannes Brahms), pubblicati a Lipsia nel 1898, sono ancora oggi una fondamentale fonte biografica su Brahms. Lo studioso brahmsiano David Brodbeck ha ipotizzato (The Cambridge Companion to Brahms, Cambridge University Press, 1999) che Dietrich possa essere molto probabilmente l'autore dell'anonimo Trio con pianoforte in la maggiore, ritrovato nel 1924, e che alcuni studiosi avevano inizialmente attribuito a Brahms. Anche se lo studioso Malcolm MacDonald (in Brahms, seconda edizione, 2001) ritiene che, se è vero che non è possibile assegnare quest'opera ad alcun compositore specifico, Brahms rimane tuttavia il candidato più plausibile sul piano della cifra stilistica.

Opere musicali[modifica | modifica sorgente]

Musica da camera[modifica | modifica sorgente]

  • Primo movimento della Sonata F.A.E. per violino e pianoforte (di cui Robert Schumann e Johannes Brahms hanno composto rispettivamente i movimenti II e IV, e il III), dedicata a Joseph Joachim
  • Trio con pianoforte (pf, vl, vc) n. 1 in do minore op. 9
  • Trio con pianoforte (pf, vl, vc) n. 2 in la maggiore op 14

Concerti[modifica | modifica sorgente]

  • Concerto per violino e orchestra in re minore op. 30
  • Concerto per violoncello e orchestra in sol minore op. 32
  • Pezzo da concerto per corno e orchestra in fa maggiore op. 27

Opera e musiche di scena[modifica | modifica sorgente]

  • Robin Hood; Opera in 3 atti op. 34
  • Cymbeline; Musiche di scena su dramma di Shakespeare, op. 38
  • Das Sonntagskind; Opera
  • Die Braut vom Liebenstein; dramma scenico per soli, coro e orchestra

Opere corali[modifica | modifica sorgente]

  • Sei Lieder per coro misto op. 21 (Schottisches Lied / Nachglück / Frühlingsdrang / Schall der Nacht / Jagdlied / Mir träumt, ich läg wo Blüten sprangen)

Opere orchestrali[modifica | modifica sorgente]

  • Sinfonia in re minore op. 20

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56795860 LCCN: n/82/12132

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica