Al soldo di tutte le bandiere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Al soldo di tutte le bandiere
Titolo originale You Can't Win 'Em All
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Regno Unito, Stati Uniti d'America
Anno 1970
Durata 95 min.
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere avventura, guerra
Regia Peter Collinson
Soggetto Leo V. Gordon
Sceneggiatura Leo V. Gordon, Peter Collinson
Produttore Harold Buck
Fotografia Kenneth Higgins
Montaggio Raymond Poulton
Musiche Bert Kaempfert
Scenografia Tony Williams
Costumi Dinah Greet
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Al soldo di tutte le bandiere (You Can't Win 'Em All) è un film del 1970 diretto da Peter Collinson, con Charles Bronson e Tony Curtis.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nel 1922, la Turchia è dilaniata dalla lotta tra i fedeli del sultano e i rivoluzionari. Un avventuriero statunitense, Adam Dyer, dopo un breve soggiorno nel luogo, decide di mettersi in società con una banda di contrabbandieri americani, guidati da un certo Josh Corey. Ben presto i due diventeranno amici, ma la guerra civile si farà sempre più dura, e il gruppo dovrà scegliere se vendere armi e, quindi, se schierarsi dalla parte del sultano o da quella di rivoluzionari. In un susseguirsi di intrecci politici e scontri mozzafiato, i due, assieme ai soldati del governatore di una provincia turca, decideranno di scortare su un treno le figlie di quest'ultimo, assieme ad un misterioso carico, che si rivelerà, in seguito, essere composto da lingotti d'oro pregiato. Frattanto, però, i due si ritroveranno bloccati a combattere assieme alle forze governative al porto di Smirne, dove vi era ancorata un'imbarcazione di Dyer. Nello scontro sanguinoso, il porto verrà incendiato e i ribelli penderanno il controllo della città. Poco tempo dopo, ci sarà il colpo di stato da parte dei rivoluzionari e verrà proclamata la repubblica, con a capo Mustafa Kemal Atatürk. Adam e Josh verranno così bloccati dalle nuove forze turche, e, in una serie di simpatici equivoci, verranno portati al cospetto dello stesso Atarürk, grazie al quale, per una serie di "servizi" resi al suo governo, e, per mezzo anche, della conoscenza della sua amante, verranno graziati e spediti su un'imbarcazione americana, come mozzi.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il Morandini si tratta di un film tratta da una "convenzionale e disorganica sceneggiatura di Leo V. Gordon, che mescola goffamente avventura e umorismo". A parere del sito Libero Cinema, tuttavia, va specificato che "Abbastanza accurata è la ricostruzione ambientale e temporale, così come è apprezzabile è la carica spettacolare di alcune sequenze di battaglia".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema