Agostino Pipia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agostino Pipia, O.P.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinalbishop.svg
Nato 1º ottobre 1660, Seneghe
Consacrato vescovo 31 dicembre 1724, da papa Benedetto XIII
Creato cardinale 20 dicembre 1724 da papa Benedetto XIII
Deceduto 19 febbraio 1730, Roma

Agostino Pipia (Seneghe, 1º ottobre 1660Roma, 19 febbraio 1730) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrò nell'Ordine dei Frati Predicatori, divenendo professo nell'isola di Maiorca. Qui, nell'università Luliana, fu professore di teologia.

Nel 1701 si trasferì a Roma come professore di fisica dell'università. Fu rettore del Collegio di San Tommaso, la futura Pontificia Università San Tommaso d'Aquino, Angelicum, al convento domenicano Santa Maria sopra Minerva a Roma.

Nel 1711 fu nominato segretario della Sacra Congregazione dell'Indice.

Divenne maestro generale del suo ordine nel 1721.

Il 20 dicembre 1724 papa Benedetto XIII lo nominò vescovo di Osimo e contemporaneamente lo creò cardinale. Il 29 gennaio dell'anno successivo ricevette il titolo di San Sisto.

Il suo episcopato fu caratterizzato dal ristabilimento della sede di Cingoli e dalla sua contemporanea unione aeque principaliter a Osimo, il 19 agosto 1725. Nel gennaio del 1726 si dimise dal suo incarico vescovile. Nel corso dello stesso anno trattò la stipula di un concordato tra il novello Regno di Sardegna e la Santa Sede.

Il 3 marzo 1729 optò per il titolo di Santa Maria sopra Minerva.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Maestro Generale dell'ordine dei predicatori Successore Cr.domenicana.JPG
Antonin Cloche 1721-1725 Tomás Ripoll