A proposito di Steve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A proposito di Steve
All About Steve.jpg
Sandra Bullock e Bradley Cooper in una scena del film.
Titolo originale All About Steve
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2009
Durata 99 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85 : 1
Genere commedia
Regia Phil Traill
Sceneggiatura Kim Barker
Produttore Sandra Bullock, Mary McLaglen
Casa di produzione Fortis Films, Fox 2000 Pictures, Radar Pictures
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Tim Suhrstedt
Montaggio Rod Dean, Virginia Katz
Musiche Christophe Beck
Scenografia Maher Ahmad
Interpreti e personaggi

A proposito di Steve (All About Steve) è un film del 2009 diretto da Phil Traill, ed interpretato da Sandra Bullock, Bradley Cooper e Thomas Haden Church.

Il film è uscito negli Stati Uniti il 4 settembre 2009 e in Italia il 25 giugno 2010. Il titolo del film è un gioco di parole dal titolo originale del film del 1950 Eva contro Eva (All About Eve).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mary Horowitz (Sandra Bullock) è una creatrice di cruciverba per una rivista californiana, la Sacramento Herald. Nonostante la mente brillante, ha una scarsa vita sociale; persino il suo capo le dice di lavorare meno e di iniziare una vita sociale. I suoi genitori decidono di organizzarle un appuntamento al buio. Le aspettative di Mary sono basse, come racconta al suo criceto Carol, che lei considera il suo migliore amico. Tuttavia, rimane estremamente sorpresa quando conosce l'affascinante Steve Miller (Bradley Cooper), che lavora come cameraman per il notiziario della CCN. Per Mary è un colpo di fulmine, ma i sentimenti da parte di Steve non sono ricambiati. Già in macchina, Mary prova un tentativo intimo con Steve ma non riesce, in parte a causa della sua goffaggine in parte per l'incapacità di smettere di parlare come un vocabolario. Steve finge una telefonata che gli dice di partire per Boston per una notizia dell’ultim’ora. Cercando di uscire dalla situazione, il cameraman le dice che sarebbe fantastico se lei potesse accompagnarla nei suoi viaggi ma ovviamente, a causa del suo lavoro,ciò non è possibile.

Mary crede che lui sia la sua anima gemella e crea un cruciverba intitolato “tutto su Steve”, che fa infuriare il suo capo a tal punto da causare il suo licenziamento in tronco. Anche Steve è stupito di leggere quel cruciverba. Dopo il suo essere stata licenziata, Mary decide di seguire Steve in tutti i suoi spostamenti lavorativi, come lui le aveva chiesto. In viaggio per Tucson, Mary infastidisce così tanto i passeggeri con il suo parlare a raffica che l’autista dell’autobus la abbandona in una stazione di servizio, così accetta un passaggio da un camionista, Norman (M. C. Gainey). Ma, una volta arrivata lì, i giornalisti sono già andati in Oklahoma verso una nuova notizia. Mary riparte per raggiungerlo e finalmente lo trova, ma Steve è assolutamente scioccato e tenta di dirle che non l’ha invitata a raggiungerlo. Poi confessa al suo collega Angus (Ken Jeong) e al reporter della CNN Hartman Hughes (Thomas Haden Church) che la ragazza del suo appuntamento al buio l’ha seguita. Nel frattempo Mary familiarizza con un paio di manifestanti, Elizabeth (Katy Mixon), una dolce e simpatica ragazza svampita, e Howard (DJ Qualls), che vende mele che abilmente scolpisce con i visi delle celebrità. Hughes, incuriosito, cerca di conoscere Mary perché spera di utilizzare la sua conoscenza enciclopedica per ottenere una promozione come Anchorman della sua rete. Hughes inganna Mary dicendole che Steve prova dei sentimenti per lei ma ha solo paura di esprimerli, quindi anche se lui le dirà di andarsene deve rimanere al suo fianco e insistere; se lui tentasse di scappare da lei dovrà inseguirlo, dovrà resistere a qualunque cosa lui le dica. Steve e Hughes si picchiano perché Steve capisce che dietro l’assillo di Mary c’è lui. Steve crede che lei lo stia perseguitando. La troupe parte per Galveston, in Texas, dove c’è un uragano, e di nuovo Mary si mette in viaggio per raggiungere la sua anima gemella grazie al passaggio di Elizabeth e Howard. Per strada, finiscono nell’occhio dell’uragano e per salvarsi decidono di rifugiarsi nelle fognature.

Steve e la troupe, intanto, finiscono a Silver Plum, in Colorado, dove diversi bambini sordi sono bloccati all'interno una vecchia miniera crollata. Steve diventa paranoico, comincia ad avere paura di trovarsela di nuovo dietro e indossa un travestimento per non farsi riconoscere da lei, ma Angus lo fa ragionare sul fatto che Mary in realtà non è una maniaca, ma una semplice ragazza a cui lui piace. Nel frattempo lei, grazie a una soffiata di Hughes, riesce ad arrivare a Silver Plum, dove finalmente sembra che tutti i bambini siano in salvo. Ma Mary, mentre sta correndo verso Steve, cade accidentalmente nel buco della miniera e scopre che, intrappolata con lei, c'è ancora una bambina sorda. Rispondendo a un bigliettino che le viene calato, Mary comunica che c'è ancora una bambina: questa scoperta la fa subito apparire come un’eroina agli occhi di chi era venuto ad assistere. Il dirigente della CNN trova che questo scoop sia una cosa positiva e vuole che Steve parli commosso della "sua ragazza", così da aumentare gli ascolti. Steve inizialmente si rifiuta; poi però, vedendo che come tutti la dipingono e come manifestano perché la tirino fuori, comincia a rendersi conto che Mary, nel suo modo unico, è una bella persona e dice infine che lei non ha cattive intenzioni, pur agendo in quel suo modo speciale.

Intanto, più il tempo passa, più diventa difficile recuperarle perché il terreno che è sopra di loro rischia di crollare da un momento all’altro. Hughes si sente in colpa per essere la causa di quanto è successo e si butta nella miniera con un manicotto dei pompieri per salvarla, ma purtroppo quello si stacca e il giornalista rimane anch'egli intrappolato. Lui si scusa per averla trascinata lì. È poi Mary a trovare un piano di salvataggio, utilizzando una carrucola che li catapulta fuori, ma lascia che Hughes ne prenda il merito, diventando un eroe e guadagnandosi la promozione. Steve dice a Mary che non avrebbe dovuto dirle di venire se non lo pensava veramente e di non lasciare mai che qualcuno la cambi perché è perfetta così com’è. Finalmente Mary capisce che lei non ha bisogno di Steve per essere felice e abbraccia i suoi amici e la nutrita folla che attendeva il suo salvataggio. La sua ultima battuta è una pillola di saggezza: "Se amate qualcuno, lasciatelo libero: se dovete inseguirlo, probabilmente non è mai stato vostro".

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La produzione è iniziata nel luglio 2007. Parti del film sono state girate alla Mayfield Senior School di Pasadena (California). Le scene nella miniera sono state girate al Walt Disney Company's Golden Oak Ranch di Canyon Country, California. Originariamente previsto per il 6 marzo 2009, il film non è uscito fino al 4 settembre 2009.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto una reazione estremamente negativa da parte della critica. Rotten Tomatoes lo classifica 96º posto tra i 100 peggiori film del 2000 rivisto, con un tasso del 6%. Secondo un altro sito, Metacritic, che assegna un punteggio normalizzato su 100 recensioni da parte della critica tradizionale, il film ha ricevuto un punteggio medio del 17%, sulla base di 25 recensioni.

Sandra Bullock ha ritirato il premio per la peggior attrice, consegnando una copia di A Proposito di Steve ad ogni membro del pubblico e promettendo di tornare l'anno successivo, a patto che tutti guardassero il film e considerassero se fosse "Veramente la peggiore performance." Sandra Bullock ha vinto un Oscar alla miglior attrice per The Blind Side il giorno dopo, diventando così la prima persona a vincere un Oscar e un Razzie nello stesso anno.

Box office[modifica | modifica wikitesto]

A Proposito di Steve nel week-end d'apertura è arrivato al 3º posto, dietro a, The Final Destination e Bastardi senza gloria con 11,2 milioni di dollari. Il film alla fine ha incassato 33,8 milioni di dollari sul mercato mondiale.

Versione home video[modifica | modifica wikitesto]

A Proposito di Steve è diventato disponibile in DVD e Blu-ray il 22 dicembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema