AMC Spirit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AMC Spirit
AMC Spirit DL two-tone liftback NC.jpg
Una AMC Spirit
Descrizione generale
Costruttore bandiera  American Motors Corporation
Tipo principale Hatchback
Altre versioni Coupé
Produzione dal 1978 al 1983
Sostituisce la AMC Gremlin
Esemplari prodotti 176.000
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.237-4.387 mm
Larghezza 1.825 mm
Altezza 1.311 mm
Passo 2.440 mm
Massa 1.128-1.401 kg

La Spirit è stata un'autovettura subcompact prodotta dalla AMC dal 1978 al 1983.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Spirit era sostanzialmente l’evoluzione della Gremlin, di cui rappresentava la versione modernizzata. La Spirit era offerta con due tipi di carrozzeria, hatchback tre porte e coupé due porte. Entrambe erano caratterizzate dalla presenza della coda di Kamm. Il frontale invece assomigliava leggermente a quello Concord.

Il modello era offerto negli allestimenti base, DL e Limited. La Spirit era inoltre disponibile nella versione AMX, che era quella sportiva. Quest’ultima derivava dalla versione hatchback ed era provvista di uno spoiler e di finiture speciali. Inoltre, era disponibile anche la versione GT, che era invece dotata di un equipaggiamento più ricco. Il modello venne inizialmente equipaggiato da un cambio manuale a quattro rapporti oppure da una trasmissione automatica a quattro rapporti.

Nel 1981 il modello fu rivisto e venne dotato di una nuova calandra. Nell’occasione, furono apportati anche altri cambiamenti. L’allestimento Limited e la versione AMX furono tolti dal mercato, mentre il pacchetto GT era ancora disponibile. Nel 1982 fu invece introdotto, nella gamma di trasmissioni disponibili, un cambio manuale a cinque rapporti.

Nel 1983, ultimo anno di commercializzazione del modello, la Spirit fu offerta solamente con il motore da 4,2 L e negli allestimenti DL e GT. Nell’anno in oggetto, il modello venne comunque aggiornato.

Di Spirit, dall’estate del 1978 alla metà del 1983, ne furono prodotti 176.000 esemplari. Di questi, circa 5.000 furono versioni AMX.

Motori[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) James Flammang, Ron Kowalke, Standard Catalog of American Cars 1976-1999, Krause Publications, 1999, ISBN 0-87341-755-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili