American Motors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
American Motors Corporation
Logo
Logo dal 1970 al 1987
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Public company
Fondazione 14 gennaio 1954[1] a Southfield, USA
Chiusura 1988
Persone chiave George W. Mason
George W. Romney
Roy Abernethy
Roy D. Chapin Jr.
Richard A. Teague
Settore Automobilistico
Prodotti automobili
veicoli militari
autobus
mezzi di trasporto merci
sistemi di refrigerazione
prodotti per la cura del tappeto erboso

La American Motors Corporation (AMC) fu una casa automobilistica Americana fondata il 14 gennaio 1954[1] con sede a Southfield in Michigan. La AMC deriva dalla fusione tra Nash-Kelvinator Corporation, la Studebaker-Packard Corporation e la Hudson Motor Car Company.

Una AMC Javelin del 1968

In quei tempi fu la maggiore fusione nella storia degli Stati Uniti, valutata in 198 milioni di dollari ($1.44 miliardi in dollari del 2006).

Gli affari che scendevano e il mercato USA che diventava molto competitivo, convinsero i vertici della AMC a cercare un partner alla fine degli anni settanta, così nel 1979 si perfezionò l'accordo con la Renault. L'accordo andò avanti fino al 2 marzo 1987, quando la American Motors Corporation fu acquistata dalla Chrysler, che dismise i marchi AMC e Renault dagli USA. Il marchio Jeep fu invece mantenuto in produzione, così come la Eagle.

Marchi posseduti[modifica | modifica sorgente]

Modelli prodotti[modifica | modifica sorgente]

Subcompact
Compact
Crossover
Mid-size
Full-size

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Nick Georgano, The American automobile: a centenary, Smithmark, 1996, p. 180, ISBN 978-0-7651-9631-6.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti