82P/Gehrels

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
82P/Gehrels
Scoperta 27 ottobre 1975
Scopritore Tom Gehrels
Designazioni
alternative
1975 U1; 1977 VII; 1984 P1; 1985 IV; 1993 XIV
Parametri orbitali
(all'epoca 11 gennaio 2001[1])
Semiasse maggiore 4,1388 UA
Perielio 3,6261 UA
Afelio 4,6515 UA
Periodo orbitale 8,42 anni
Inclinazione orbitale 1,1265°
Eccentricità 0,1238
Ultimo perielio 31 agosto 2001
Prossimo perielio 12 gennaio 2010[2]
Dati fisici
Dimensioni 1,46 km[1] (diametro)
Dati osservativi
Magnitudine ass. 5[1]

La Cometa Gehrels 3, formalmente indicata 82P/Gehrels, è una cometa periodica del Sistema solare, scoperta da Tom Gehrels il 27 ottobre 1975 dall'osservatorio di Monte Palomar.[1] Appartiene alla famiglia cometaria di Giove,[3] nel gruppo della Cometa Encke.[1]

L'orbita attualmente seguita dalla cometa l'ha portata nel 1970 a transitare a sole 0,0014 UA da Giove.[4] Alcuni studiosi hanno avanzato l'ipotesi che la cometa sia stata catturata dal gigante gassoso ed abbia orbitato attorno ad esso per qualche tempo[5]. Un comportamento simile è stato determinato anche per altre comete, ad esempio 111P/Helin-Roman-Crockett e 147P/Kushida-Muramatsu, tutte classificate come QHC (quasi-Hilda comets), ossia comete con elementi orbitali simili a quelli degli asteroidi appartenenti alla famiglia di Hilda.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) 82P/Gehrels 3 in JPL Small-Body Database Browser, Jet Propulsion Laboratory. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  2. ^ (EN) Seiichi Yoshida, 82P/Gehrels 3. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  3. ^ (EN) List of Jupiter-Family and Halley-Family Comets. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  4. ^ (EN) Gary Kronk, 82P/Gehrels in Cometography. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  5. ^ (EN) Interesting dynamical aspects of 1989b, a new short-period comet,
  6. ^ (EN) Katsuhito Ohtsuka, Ito, T.; Yoshikawa, M.; Asher, D. J.; Arakida, H., Quasi-Hilda Comet 147P/Kushida-Muramatsu: Another long temporary satellite capture by Jupiter (PDF) in Astronomy & Astrophysics, 19 ago 2008. URL consultato il 17 novembre 2008.
sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare