Zabaione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Zabajone" rimanda qui. Se stai cercando l'album di Andrea Mingardi, vedi Zabajone (album).
Zabaione
Zabaione with blackberries.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePiemonte
Diffusionemondiale
Dettagli
Categoriadolce
RiconoscimentoP.A.T.
Settorepaste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria
Ingredienti principaliuova (tuorlo), zucchero, vino liquoroso

Lo zabaione – noto anche come zabajone o zabaglione[1] – è una crema dolce e spumosa a base di uova (tuorlo), zucchero e vino o vino liquoroso. Diede origine, in Italia, a noti liquori come il Vov e lo Zabov, entrambi marchi registrati. Il primo è del 1845 mentre il secondo risale all'ultimo dopoguerra. La ricetta è oggi diffusa in molti luoghi, legandosi ai diversi vini liquorosi tradizionali (Porto, Marsala, Xeres, Rivesaltes, Moscato). Dal 2015 rientra tra i prodotti agroalimentari tradizionali piemontesi.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo zabaione è una preparazione che vanta parecchi secoli di storia. Tuttavia, come accade per molte ricette il cui ricordo si perde nei secoli, sulla sua origine sono sorte molte leggende; una di esse narra che l'invenzione risalirebbe al 1471 e sarebbe opera del capitano di ventura Giovan Paolo Baglioni.[3]

Un'altra tradizione affermata sostiene invece che la ricetta sia stata introdotta nel XVI secolo a Torino: chiamata inizialmente crema di San Baylon, sarebbe divenuta in seguito semplicemente Sambayon[4] per ricordare il francescano san Pasquale Baylón, santo protettore di cuochi e pasticceri.[3][5]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcune teorie, il nome zabaglione potrebbe derivare da zabaja, bevanda dolce consumata in passato a Venezia e proveniente dalla costa illirica.[6]

Caratteristiche e preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Lo zabaione viene preparato a caldo, a bagnomaria, e montato sino ad essere ben soffice con una frusta da cucina. Accompagna tagli di gelato alla crema, alcuni biscotti come le paste di meliga e le lingue di gatto, oltre ad alcune torte di noci e nocciole; è la base principale del ripieno della torta Ostiglia. È una preparazione diffusa in molti paesi d'Europa, comune tanto nella cucina casalinga quanto nelle cucine dei migliori chef.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vocabolario Treccani
  2. ^ Mipaaf, su politicheagricole.it. URL consultato il 22 agosto 2017.
  3. ^ a b Andrea Tibaldi, Zabaione o zabaglione, in Cibo360.it. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  4. ^ Tuttora in piemontese lo zabaione si chiama sambajon.
  5. ^ Lo Zabaione Archiviato il 6 maggio 2014 in Internet Archive.
  6. ^ Walter Pedrotti, Tisane, liquori e grappe, Giunti Editore, pag. 82.
  7. ^ Ricetta dello Zabaione sul sito Giallo Zafferano

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]