Polsonetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il polsonetto o ponzonetto è una pentola, un tipo particolare di casseruola. Ha forma approssimativamente semisferica, con le pareti alte e il fondo bombato. Viene realizzato in rame non stagnato e dotato di un lungo manico in legno. Viene usato soprattutto in pasticceria per la cottura di preparazioni particolarmente delicate come lo zabaione, il croccante, creme e sciroppi.

Può avere due forme: una per la cottura sul fuoco, poco profonda, l'altra per la cottura a bagnomaria, stretta e profonda, a forma di cono, entrambe con il fondo arrotondato[1].

Uso[modifica | modifica wikitesto]

La forma particolare, che ne caratterizza e condiziona l'uso, ne fa una pentola poco usata, riservata alle cucine professionali o molto raffinate.

  • Il fondo rotondo non consente di appoggiarlo sul fornello; lo si tiene con una mano per il manico mentre l'altra mescola il contenuto con un cucchiaio di legno e quindi si effettua quindi una cottura a vista.
  • La forma arrotondata, priva di spigoli, permette di effettuare una completa rimescolatura di ogni parte del composto che non rimane impigliato negli angoli.
  • La buona conducibilità termica da parte del rame di buon spessore garantisce la cottura uniforme di tutta la massa.
  • La distribuzione e il controllo della temperatura viene migliorata con la cottura a bagnomaria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cucina