Pentola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pentola è il nome generico di un recipiente adatto a cuocere cibi direttamente sul fuoco. Generalmente di forma circolare, raramente ovale o quadrata con angoli arrotondati, è munita alle estremità di uno o più manici. Può essere costruita in metallo: ferro, acciaio inox, ghisa, alluminio, rame o in coccio, pyrex e pietra ollare a seconda delle caratteristiche delle esigenze di cottura e dalle tradizioni locali. In qualche caso viene realizzata in bimetallo, ovvero un foglio sottile di inox accoppiato ad un foglio più spesso di rame, dove il primo riveste la superficie interna.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I reperti più antichi di pentole sono realizzati in terracotta od in pietra ollare, mentre il primo metallo ad essere impiegato fu il bronzo.

Durante il 1700, come riferisce Menon nella Cuisinière Bourgeoise, si produsse pentolame in argento destinato alle cucine più ricche.

Dalla metà dell'Ottocento compaiono le pentole in ferro smaltato, e dall'inizio del novecento comincia ad essere utilizzato l'alluminio, solamente negli anni '30, appaiono le prime pentole in acciaio inox, metallo che dagli anni 60 diventa, per motivi di igiene e durata, il materiale più utilizzato nelle attrezzature di cucina[1].

Tipi di pentola[modifica | modifica sorgente]

Pentole in acciaio inox

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Assomet

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Eugenio Medagliani, Carlo G. Valli Storia della pentola-Il fuoco, i segni e le forme del calore - Bibliotheca Culinaria ISBN 88-86174-79-9

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cucina