Villa della Giovannina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa della Giovannina
Castello della Giovannina 1.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàSan Giovanni in Persiceto
IndirizzoVia Cento 290
Coordinate44°44′06.41″N 11°15′47.95″E / 44.735113°N 11.26332°E44.735113; 11.26332Coordinate: 44°44′06.41″N 11°15′47.95″E / 44.735113°N 11.26332°E44.735113; 11.26332
Informazioni generali
CondizioniIn uso

La Villa o Castello della Giovannina è localizzata in provincia di Bologna nei pressi di San Matteo della Decima, frazione a nord del comune di San Giovanni in Persiceto, al confine con Cento, su via Giovannina.

Nonostante sia sempre stata una residenza signorile, la Villa viene anche denominata Castello a causa delle caratteristiche torri merlate che ricordano le costruzioni a forma di castello quadrilatero con torri della tradizione medioevale.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La Villa o Castello della Giovannina venne dedicata a Giovanni II di Bentivoglio, Signore di Bologna, che la commissionò nel 1490 a Sebastiano Serlio,[senza fonte]e costruita nel 1504. Si deve altresì ad Ercole Aldrovandi la costruzione dell'imponente palazzo signorile (intorno all'anno 1565), poi fortemente ristrutturato nel tardo Ottocento. Infatti, l'attuale aspetto le venne dato proprio dai restauri seguiti tra gli anni 1897 e 1902 dall'architetto Giuseppe Ceri, il quale fece anche costruire l'oratorio.

Attualmente la Villa è data in concessione ad una società di catering per l'organizzazione di eventi, quali matrimoni, conferenze, ecc.

Le due scosse sismiche del 20 maggio e 29 maggio 2012 l'hanno lesionata in alcune parti dei torrioni e nella cappellina adiacente (soprattutto la piccola torre campanaria)

Le opere d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Targa commemorativa

La villa conserva al suo interno numerose e pregevoli sale con affreschi attribuiti al Guercino ed agli allievi della sua Bottega e realizzati tra il 1617 ed il 1632 d.C.

Gli affreschi illustrano poemi celebri come l'Orlando Furioso, la Gerusalemme Liberata, l'Eneide, il Pastor Fido e la Secchia rapita.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]