Ubaldo Gandolfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Madonna con Bambino, San Domenico e Vincenzo Ferreri

Ubaldo Gandolfi (San Matteo della Decima, 14 ottobre 1728Ravenna, 24 luglio 1781) è stato un pittore italiano, attivo principalmente a Bologna e dintorni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a San Matteo della Decima, all'età di diciassette anni fu ammesso all'Accademia Clementina, dove fu allievo di Ercole Graziani, Felice Torelli ed Ercole Lelli. Proveniva da una grande famiglia di prolifici artisti, tra i quali anche i suoi figli Giovanni Battista e Ubaldo Lorenzo, come anche il fratello Gaetano e i nipoti Mauro, Democrito e Clementina.

Il lavoro di Ubaldo Gandolfi si estende fra il Barocco e il Neoclassico, e richiama specificamente lo stile di Ludovico Carracci. Egli completò, fra il 1770 e il 1775, una serie di tele di tema mitologico per il Palazzo Marescalchi di Bologna, due delle quali si trovano ora nel Museum of North Carolina.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Pinacoteca Civica "Il Guercino", Cento, Annunciazione (1777), olio su tela, cm 303x191. Iscrizione: sulla base dell'inginocchiatoio U.G 1777);
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Cento, Cento, La Madonna consegna Gesù Bambino a San Gaetano da Thiene alla presenza di tre angeli (1775) olio su tela, cm 207.5 x 146. Iscrizione: in basso a sinistra "U.G".
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Cento, Cento, I Santi Sebastiano e Rocco, olio su tela 70 x 42 cm, bozzetto di quella che fu una grande Pala d'altare che andò distrutta da un incendio nell'ottocento.
  • Il Museo d'arte MdAO di Avellino possiede l'interessante tela Il Sacro Cuore adorato dai cherubini del 1770.
  • chiesa di Santa Maria Maggiore a Castel San Pietro Terme pala d'altare con la Vergine in gloria con i santi.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vergine in gloria e santi, Parrocchie.it. URL consultato il 21 novembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I Gandolfi: Ubaldo, Gaetano, Mauro, disegni e dipinti, Neri Pozza Editore, Vicenza, 1987;
  • Mimi Cazort, Bella Pittura: The Art of the Gandolfi, Ottawa, National Gallery of Canada, 1993;
  • Donatella Biagi Maino, Ubaldo Gandolfi, Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 52, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1999
  • Donatella Biagi Maino, Gaetano e Ubaldo Gandolfi. Opere scelte, Allemandi, 2002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52487837 · ISNI (EN0000 0000 7357 7784 · LCCN (ENn88201879 · GND (DE118900900 · BNF (FRcb14411438n (data) · ULAN (EN500027301 · CERL cnp00541771 · WorldCat Identities (ENn88-201879