Carnevale storico persicetano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La classica immagine del Carnevale Storico Persicetano con Bertoldo sull'asino.

Il Carnevale Storico Persicetano è una festa che ha luogo nella città di San Giovanni in Persiceto, nella città metropolitana di Bologna. Ciò che rende questa manifestazione carnevalesca unica nel suo genere è il caratteristico spettacolo dello Spillo, il quale avviene al culmine della sfilata di ogni carro e viene valutato da una giuria di esperti, portando alla definizione di una graduatoria che anno dopo anno consacra un vincitore del Carnevale.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Carnevale Persicetano nacque ufficialmente il 15 febbraio 1874. In realtà già negli anni precedenti si svolgevano manifestazioni carnevalesche in paese e negli archivi si trovano testimonianze di eventi risalenti all’inizio del XVII secolo. Nel 1873, appena finito il periodo di Carnevale, grazie all’intuizione di alcuni intraprendenti persicetani, si cominciò a pensare all’anno successivo. L’idea era quella di riunire le numerose iniziative presenti in paese e di gestirle tramite un’unica associazione che avrebbe preso il nome di "Società del Bertoldo" con l’obiettivo di organizzare un Carnevale più democratico in cui tutto il popolo fosse partecipe. Nel corso degli anni la Società del Bertoldo ebbe naturali evoluzioni tanto da diventare nel tempo la "Società Bertoldo e Bertoldino" che poi confluì nell’attuale "Associazione Carnevale Persiceto". Le guerre e le crisi economiche determinarono la sospensione del Carnevale in alcuni periodi che ancora si interruppe dal 1956 al 1969 nel mezzo di forti contrasti politici locali per poi rinascere in maniera ancora più spettacolare nel 1970; da allora non ci sono più state interruzioni.[1] Nella sua storia di Persiceto Giovanni Forni, in corrispondenza dell’anno 1893, scrive:

«In una sol cosa i Persicetani, nonostante le profonde dissensioni politiche, si trovavano d’accordo e cioè nel divertirsi e nel far divertire in tempo di carnevale. Una società, fondata già da molti anni, intitolata a Bertoldo e che si aggregò l’altra già del ribelle suo figlio Bertoldino, riunì soci di ogni classe e di ogni partito ed indisse corsi mascherati, feste popolari, veglie danzanti, lotterie di beneficenza e divertimenti popolari per modo che mentre negli altri paesi il carnevale era da gran tempo morto e sepolto, a Persiceto riviveva con tanto brio come e più che ai bei tempi antichi.[2]»

(Giovanni Forni, Persiceto e San Giovanni in Persiceto (dalle origini a tutto il secolo XIX). Storia di un comune rurale)

Oggi fra le manifestazioni culturali tipiche del territorio persicetano una delle più importanti, sia per la partecipazione attiva dei cittadini sia per l’afflusso di pubblico, è sicuramente il Carnevale Storico. Gli spettacolari e coloratissimi carri, realizzati con grande perizia artigiana da artisti locali, sfilano nelle due domeniche antecedenti la Quaresima sia a Persiceto, che nella frazione maggiore, San Matteo della Decima. La rivalità fra il Carnevale Storico Persicetano e il Carnevale di Decima è di lungo corso, così come la consuetudine delle sfilate che si fa risalire addirittura al XIX secolo.[3]

La maschera di Bertoldo[modifica | modifica wikitesto]

Come per ogni Carnevale che si rispetti, anche quello di San Giovanni in Persiceto aveva bisogno di una maschera. Questo fu subito chiaro agli organizzatori che la individuarono nel personaggio di Bertoldo. Bertoldo, assieme al figlio Bertoldino e alla moglie Marcolfa, fu un’invenzione letteraria del cantastorie e scrittore persicetano Giulio Cesare Croce. Nell’opera “Le sottilissime astuzie di Bertoldo”, scritta dal Croce nel 1606, il villano Bertoldo incarna la quintessenza dell’arguzia, dello sberleffo irriverente e del linguaggio essenziale, diretto e fatto di cose concrete. Per questo ed altre cose ancora, Bertoldo, entrato nell’immaginario collettivo come il contadino “scarpe grosse e cervello fino”, fu pensato come maschera rappresentativa del Carnevale Persicetano. Tuttavia, secondo gli organizzatori, le caratteristiche della maschera sarebbero dovute essere diverse dal personaggio originale del Croce. Il Bertoldo carnevalesco non sarebbe stato il villano alla corte del Re, bensì il Re della giocondità, del buon umore, della buona cucina, paternamente indulgente alle scappatelle dei giovani e alle sentimentali distrazioni delle belle donne. Un sovrano, insomma, che parla e tratta con il popolo nella maniera più democratica. Pur avendo molti punti in comune, il Bertoldo del Croce e il Re Bertoldo del Carnevale Persicetano, non possono quindi essere considerati la stessa cosa. La maschera di Re Bertoldo ebbe una decisa evoluzione nei primi anni di vita e assunse le sue caratteristiche attuali grazie agli autori dei discorsi in dialetto che il Re teneva in teatro per l’apertura dei Corsi Mascherati, tradizione che si perpetua tuttora.[1]

La manifestazione[modifica | modifica wikitesto]

Ancora oggi nel più che centenario Carnevale persicetano, i carri allegorici — realizzati da folti gruppi di amici, scenografi e progettisti riuniti in oltre quindici società — sfilano per le vie del centro preceduti dal re del carnevale Bertoldo, con Bertoldino, la moglie Marcolfa e la loro corte.[2] La manifestazione mantiene la sua struttura originaria dalle origini e consiste nella sfilata di carri allegorici che avviene su due domeniche: la prima è "La domenica degli Spilli", la seconda è "La domenica delle Premiazioni". L’apertura delle manifestazioni carnevalesche è affidata a Re Bertoldo attraverso la lettura del discorso della Corona, una composizione dialettale che alle origini veniva fatta in teatro comunale mentre ora avviene nella Piazza del Popolo, il cuore pulsante del paese.[1]

Piazza del Popolo, nei giorni di Carnevale, diventa un gigantesco teatro; addossata al Palazzo Comunale viene infatti montata una tribuna che contiene un migliaio di spettatori mentre la Chiesa Collegiata e alcuni palazzi di architetture varie che raccontano la storia del paese, fanno da scenografie naturali e urbane al teatro di popolo, il luogo dove ogni anno una comunità gioca in maniera intelligente con le proprie radici rurali. I carri di Carnevale attualmente sono dodici e sono realizzati da altrettante società carnevalesche, distinti in carri di prima e di seconda categoria. Ciascuna di queste conta decine o centinaia di affiliati e di simpatizzanti. Ogni Società ha un proprio nome e si distingue per caratteristiche e peculiarità, declamate anche in lingua dialettale: Ocagiuliva, Jolly & Maschere, Mazzagatti, I Gufi, Accademia della Satira, Maistóf, I Corsari, Angeli, Brôt & Catív, Afidi della Scarpa, Figli della Baldoria, Treno e I Clandestini. Il Treno è la società più antica ancora in vita essendo nata nel 1927, mentre le società più vittoriose sono l’Accademia della Satira e i Pipistrelli con tredici successi ciascuno; i Pipistrelli non sono più in attività dagli anni Ottanta.[1]

Ogni società ha un progettista, generalmente un architetto o un’artista, che elabora un progetto che poi i vari componenti della società dovranno realizzare. Alcuni di questi progettisti, che vengono definiti professori, sono stati artisti famosi a livello nazionale o internazionale, come ad esempio Quinto Ghermandi, Pirro Cuniberti, Giansebastiano Sani, Mario Martinelli, Giorgio Celli.[1]

Oltre ai Carri di Prima Categoria sfilano anche le mascherate di gruppo e le mascherate singole, pure loro sottoposte a una competizione e a una premiazione.[1]

I carri e lo Spillo[modifica | modifica wikitesto]

I carri cominciarono a sfilare per le strade di Persiceto già da quel lontano 1874. Si formarono società tra gruppi di amici, di conoscenti e si intraprese quella che, nel corso degli anni sarebbe diventata una grande e meravigliosa avventura carnevalesca. Poco alla volta questa avventura cominciò a sviluppare una magia, quella dello Spillo, caratteristica unica e inimitabile del Carnevale Persicetano. "Spillo" è l’italianizzazione del vocabolo dialettale Spéll, che nell’Ottocento assumeva il significato citato dall’antico vocabolario di dialetto bolognese della Coronedi Berti; alla voce Spéll si legge infatti: “Il trasfigurare, il far mutare effige e figura; e lo diciamo di que’ giuochi che si fanno ne’ spettacoli. Diciamo che una cosa l’ha fat spel quando, avendola sott’occhio, a un tratto non la vediamo più”.[1] Spéll significa letteralmente “zampillo” o “schizzo”, ma anche con il significato di trasfigurazione.[2]

Lo Spéll del Carnevale di Persiceto coincide infatti con il momento in cui, in Piazza del Popolo, il carro racconta una storia trasformandosi in un qualcosa di diverso e svelando alla giuria e al pubblico il significato dell’allegoria per il quale è stato costruito. Il carro non solo svela cose nascoste al suo interno ma può anche assumere forme che, nelle costruzioni meglio riuscite, lo rendono completamente diverso dalla struttura originale.Il carro si fa così palcoscenico, la piazza diventa teatro e la sfilata si muta in rappresentazione.[1]

L’origine dello Spéll è probabilmente da individuare nei primissimi anni della manifestazione carnevalesca quando una società, la Società dei Venti, realizzò nel 1885 un carro che mutava aspetto durante la sfilata. Dagli anni successivi questa caratteristica fu ripresa dalle altre società e mai più abbandonata. Quindi, fin quasi dalle origini, lo Spillo è la caratteristica fondamentale dei corsi mascherati di Persiceto, caratteristica che giustifica ampiamente la denominazione di Città dello Spillo assegnata al paese un paio di anni fa dall’Amministrazione Comunale. Con il passare degli anni e con l’evolversi della tecnologia, lo Spéll ha subito una continua evoluzione, ma nel suo significato è rimasto quello di un secolo fa.[1]

Ecco allora che, la prima domenica delle manifestazioni, i carri delle società carnevalesche si fermano in Piazza del Popolo, trasformata in teatro per l’occasione.[1] Ogni carro sfila "chiuso" per il paese, e una volta giunto in piazza, dopo aver letto una breve relazione introduttiva, il presentatore pronuncia la fatidica frase "il carro può eseguire lo Spillo": il carro quindi si trasforma quasi completamente, dischiudendosi e svelando così la propria allegoria, formata da ulteriori scenografie, maschere e personaggi che recitano una breve pantomima, il tutto accompagnato da una colonna sonora. Il carro diviene quindi un palcoscenico, in cui la piazza funge da teatro e la sfilata da rappresentazione. Una volta completato lo Spillo, dai carri vengono lanciati dolciumi e giocattoli.[2] Quando il carro è in piazza ha quindici minuti di tempo per raccontare la sua storia. La può raccontare con l’ausilio di attori, di una colonna sonora, con le figure costruite sul carro e soprattutto con i movimenti dello stesso. Nel corso degli anni lo Spillo del Carnevale di Persiceto si è consolidato come una grande opera di artigianato che include, oltre agli aspetti meccanici ed elettronici, anche le arti della recitazione, della pittura, della scultura, della musica e della letteratura. Si tratta di un’arte effimera: i mesi di lavoro spesi ogni anno in cantiere servono solo per quei quindici minuti. I carri dopo lo Spillo continuano a sfilare per le vie del centro storico ma, da quel momento in poi, diventano carri normali, privi della magia che li ha caratterizzati durante lo Spillo.[1]

La competizione[modifica | modifica wikitesto]

Il gonfalone di Bertoldo e Bertoldino: lo stendardo più bianco è l'ambito premio per le società carnevalesche.

Lo Spillo viene valutato da una giuria composta da tre esperti che emettono verdetti sull’architettura, sulla pittura, sulla scultura, sul soggetto e sullo svolgimento. I giudizi si traducono in voti e in una classifica finale che sancisce la vittoria dell’ambito Gonfalone che verrà custodito dalla società prima classificata fino al Carnevale successivo.[1] Ogni Gonfalone ha un proprio colore: più è alta la posizione in classifica, più è chiaro il colore dello stendardo; la società vincitrice porterà quindi nella propria sede uno stendardo bianchissimo, mentre la società classificata per ultima lo riceverà di colore nero.[2]

La Giuria redige infatti una relazione elaborando una valutazione per ciascuno dei tre elementi di valutazione: "Pittura e Scultura", "Architettura e Costruzione", "Soggetto e Svolgimento". La Giuria assegna un punteggio per ciascun elemento stilando una graduatoria definita dal risultato complessivo ottenuto.[1]

I giurati sono scelti da un notaio in base alle loro competenze; tra i giurati si ricordano il giornalista e scrittore Michele Serra (che scrisse su Repubblica un articolo dopo la sua partecipazione), il cantante e scrittore Roberto Freak Antoni, il presentatore Enzo Tortora, l’entomologo e artista Giorgio Celli, la giornalista Serena Dandini; oltre ad altri innumerevoli architetti, pittori e registi più o meno conosciuti in ambito locale e nazionale.[1]

Se nella domenica dello Spillo ogni carro racconta una storia, la domenica della premiazione è il momento della competizione e della rivalità. I voti sono espressi in trentesimi, e corredati da un giudizio. E la lettura dei pareri espressi dalla giuria per ciascun carro è il secondo grande spettacolo, dopo lo Spillo, del Carnevale Persicetano. I carri entrano in piazza uno alla volta, si fermano al centro e ciascuna società si schiera tutt’attorno in trepida attesa. Il presentatore apre la busta contenente il giudizio e un breve silenzio denso di aspettative cala sulla piazza. Quello che ha scritto la giuria scatenerà un’immensa gioia o profondissime delusioni. E queste emozioni si manterranno per un anno intero, fino a quando il Gonfalone non sarà di nuovo messo in palio.[1]

Infine, il lunedì successivo, le società si ritrovano tutte assieme in un grande spazio pubblico, in compagnia dei giurati, per il “Processo del lunedì”, un momento di confronto, tra goliardia e professionalità, in cui i giudici spiegano le motivazioni delle loro scelte e i carnevalai accolgono, oppure contestano, i pareri dei professori che li hanno giudicati.[1]

Risvolti sociali[modifica | modifica wikitesto]

San Giovanni in Persiceto, durante il Carnevale, è il Carnevale stesso. Ogni società ha più di un centinaio di soci e, considerando le rispettive famiglie, o gli amici, si può dire che il numero di persicetani attivamente coinvolti nella manifestazione oscilla tra le duemila e le tremila unità. Per il paese il Carnevale è un momento di grande aggregazione; nelle società convivono contemporaneamente bambini, ragazzi, genitori, adulti e anziani. Il Carnevale è anche un momento di alta creatività dove il tempo dedicato assume un grande valore di coesione sociale nella realizzazione di un progetto artistico. La competizione è fortissima, un vero e proprio palio cittadino; tuttavia questa competizione, corredata dagli sfottò e dagli sberleffi dei vincitori nei confronti delle altre società, è uno degli elementi aggreganti che fanno sì che l’identità paesana sia un sentimento fortemente radicato in quasi tutti i persicetani.[1]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica ufficiale (dal 2000)[modifica | modifica wikitesto]

Carri di Prima Categoria
Anno Società Carro Pittura e Scultura Architettura e Costruzione Soggetto e Svolgimento Totale punti
2000 I Gufi Peiperviù 30 29 30 89
2001 Mazzagatti Il mio villaggio disincartato 30 30 29 89
2002 Accademia della satira Eurostory 30 29 30 89
2003 I Gufi Invito a cena con delitto 30 29 29 88
2004 Jolly & Maschere 3x2: prendi 3 paghi 2 30 29 30 89
2005 Brot & Cativ Il seme della discordia 28 27 28 83
2006 Accademia della Satira Io sono: una soluzione italiana 29 29 27 85
2007 Ocagiuliva Un'opera da tre soldi 24 30 26 80
2008 Jolly & Maschere Dagli altari alla polvere in un batter d'ali 30 30 30 90
2009 I Gufi 15 minuti 28 30 28 86
2010 Ocagiuliva Ciò che fece il dottor F. 30 30 30 90
2011 Brot & Cativ Tira gira 30 30 28 88
2012 Ocagiuliva L'uomo dei sogni 30 30 29 89
2013 I Gufi Un canto di carnevale 30 29 30 89
2014 Brot & Cativ Il facoltoso mago di Zò ovvero un sentiero dorato molto in salita 30 30 30 90
2015 I Gufi Tre Colori: carro bianco 30 30 30 90
2016 I Gufi Tre Colori: carro nero 30 29 30 89
2017 I Gufi Tre Colori: carro blu 29 30 30 89
2018 Ocagiuliva AP. in corso... attendere prego 29 30 29 88
2019 Brot & Cativ Quelli di sotto 30 30 28 88
2020 Ocagiuliva Pizunèra 30 30 30 90

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r Il carnevale persicetano, su carnevalepersiceto.it. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  2. ^ a b c d e Carnevale storico persicetano – Comune di San Giovanni in Persiceto, su comunepersiceto.it. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  3. ^ Carnevale – Comune di San Giovanni in Persiceto, su comunepersiceto.it. URL consultato il 27 febbraio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]