Viktor Stepanovič Černomyrdin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Viktor Stepanovič Černomyrdin
Ви́ктор Степа́нович Черномы́рдин
ЧЕРНОМЫРДИН Виктор Степанович.jpg

Primo ministro della Federazione Russa
Durata mandato14 dicembre 1992 –
23 marzo 1998
PresidenteBoris El'cin
PredecessoreEgor Gajdar
SuccessoreSergej Kirienko

Primo ministro ad interim
Durata mandato23 agosto 1998 –
11 settembre 1998
PresidenteBoris El'cin
PredecessoreSergej Kirienko
SuccessoreEvgenij Primakov

Dati generali
Partito politicoPCUS (fino al 1991)
Nostra Casa Russia (1995-2006)
Titolo di studioCandidato di scienze tecniche
UniversitàSamara State Technical University e Moscow State Open University
FirmaFirma di Viktor Stepanovič Černomyrdin Ви́ктор Степа́нович Черномы́рдин

Viktor Stepanovič Černomyrdin, in russo Ви́ктор Степа́нович Черномы́рдин (Černyj Otrog, 9 aprile 1938Mosca, 3 novembre 2010), è stato un politico russo.

Černomyrdin ha ricoperto incarichi ministeriali dal 1982 ed è stato Primo ministro dal 1992 al 1998; in aggiunta, ha svolto le funzioni di Presidente della Federazione Russa per un giorno, il 6 novembre 1996.

Primo presidente di Gazprom, dal 2001 al 2009 è stato ambasciatore russo in Ucraina ed è stato consigliere economico per i paesi della CSI del presidente Medvedev.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia operaia di origine cosacca[2] composta da cinque figli, Černomyrdin trova lavoro come meccanico in una raffineria petrolifera ad Orsk dove resta fino al 1962, anno in cui è ammesso all'Istituto industriale Kujbyšev.

Nel 1961 entra a far parte del Partito Comunista dell'Unione Sovietica; tra il 1973 e il 1978 è direttore dello stabilimento di raffinazione del gas naturale a Orenburg e, successivamente, dal 1978 al 1982 si occupa del settore dell'industria pesante nell'ambito del Comitato centrale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica.

Incarichi ministeriali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1982, Černomyrdin è nominato vice-ministro per il settore del gas naturale sovietico e dal 1983 è posto anche alla direzione dell'associazione industriale Glavtyumengazprom, con finalità di sviluppo della risorsa del gas naturale nell'oblast' di Tjumen'.

Dal 1985 al 1989 è promosso a ministro per il settore del gas naturale sovietico.

Nel 1989, il Ministero per le risorse petrolifere e del gas viene soppresso ed è costituita la compagnia governativa Gazprom, di cui Černomyrdin è eletto presidente.

Nel maggio del 1992, riceve da Boris El'cin la nomina a vice primo ministro incaricato del combustibile e dell'energia.

Il 14 dicembre 1992, è nominato per la prima volta Primo ministro della Federazione russa[3]. Nell'aprile 1995, forma il gruppo politico centrista Nostra Casa - Russia, che però non riesce ad attestarsi quale forza principale in Parlamento, ottenendo soltanto il 10% dei voti.

Nell'estate del 1995, Černomyrdin si impegna direttamente nelle negoziazioni con il terrorista ceceno Šamil Basaev, il cui gruppo terroristico tiene in ostaggio cittadini russi nell'ospedale di Budënnovsk. A seguito delle trattative, vengono rilasciati alcuni ostaggi.

Il 6 novembre 1996 assume le funzioni di Presidente della Federazione Russa per 23 ore, mentre Boris El'cin si sottopone ad operazione cardiaca.[4]

Černomyrdin si dimette dall'incarico di Primo ministro nel marzo 1998; a seguito della crisi finanziaria dell'agosto 1998, è richiamato da El'cin alla guida del Governo, ma non ottiene la fiducia dalla Duma.

Nel dicembre 1999 è eletto alla Duma. Nel maggio 2001, Vladimir Putin nomina Černomyrdin ambasciatore in Ucraina.

Muore nel 2010 all'età di 72 anni, a seguito di una lunga malattia.[5]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze sovietiche[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Rivoluzione d'Ottobre - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
— 1986
Ordine della Bandiera rossa del Lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa del Lavoro
— 1979
Ordine del Distintivo d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Distintivo d'Onore
«Per i risultati ottenuti nella costruzione e nello sviluppo della capacità di progetto della prima fase del complesso del gas di Orenburg»
— 1974
Medaglia commemorativa per il giubileo dei 100 anni dalla nascita di Vladimir Il'ich Lenin per lavoro valente - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il giubileo dei 100 anni dalla nascita di Vladimir Il'ich Lenin per lavoro valente
— 1970
Medaglia per il giubileo dei 40 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 40 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945
— 1985

Onorificenze russe[modifica | modifica wikitesto]

Ordine al merito per la Patria di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di II Classe
«Per il contributo di rilievo allo sviluppo dello stato russo»
— 23 marzo 1998
Ordine dell'Amicizia - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia
«Per l'eccezionale contributo al rafforzamento e allo sviluppo dell'amicizia e della cooperazione tra la Federazione Russa e l'Ucraina»
— 8 aprile 2003
Ordine al merito per la Patria di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di III Classe
«Per il contributo di rilievo allo sviluppo delle relazioni russo-ucraine»
— 9 aprile 2008
Ordine al merito per la Patria di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di I Classe
«Per il contributo eccezionale al rafforzamento dell'autorità della Federazione Russa e per i molti anni di attività feconda nello Stato»
— 24 marzo 2009
Ordine al merito per la Patria di IV Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di IV Classe
«Per molti anni di attività feconda nello Stato»
— 9 aprile 2010
Medaglia commemorativa per il 300º anniversario della Marina Militare Russa - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il 300º anniversario della Marina Militare Russa
— 7 giugno 1996
Medaglia commemorativa per l'850º anniversario di Mosca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per l'850º anniversario di Mosca
— 6 settembre 1997
Medaglia commemorativa per il 1000º anniversario di Kazan' - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il 1000º anniversario di Kazan'
— 23 agosto 2005

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Nobiltà (Kazikistan) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Nobiltà (Kazikistan)
«Per il suo contributo allo sviluppo del petrolio e del gas nel Kazakistan»
— 1º settembre 1999
Ordine di Jaroslav il Saggio di V Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Jaroslav il Saggio di V Classe (Ucraina)
«Per il contributo di rilievo allo sviluppo delle relazioni bilaterali tra la Federazione Russa e l'Ucraina e per il ruolo importante nel rafforzamento dei legami di amicizia tra il popolo russo e ucraino»
— 8 aprile 2003
Ordine al Merito di III Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al Merito di III Classe (Ucraina)
«Per il suo contributo allo sviluppo delle relazioni russo-ucraine e per l'attività diplomatica a lungo termine»
— 17 giugno 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://eng.kremlin.ru/sdocs/news.shtml?month=06&day=11&year=2009&Submit.x=3&Submit.y=6&prefix=&value_from=&value_to=&date=&stype=&dayRequired=no&day_enable=true[collegamento interrotto]
  2. ^ Scheda di Cernomyrdin su archontology.org, su archontology.org. URL consultato il 4 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2008).
  3. ^ Articolo del Corriere della Sera del 15 dicembre 1992
  4. ^ [1] e Temporary discharge of duty of President of Russian Federation
  5. ^ (EN) Viktor Chernomyrdin, titan of post-communist Russia, dies at 72, su the Guardian, 3 novembre 2010. URL consultato il 24 novembre 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro della Federazione Russa Successore Flag of Russia.svg
Egor Gajdar 14 dicembre 1992 - 23 marzo 1998 Sergej Kirienko
Predecessore Primo ministro della Federazione Russa Successore Flag of Russia.svg
Sergej Kirienko 23 agosto 1998 - 11 settembre 1998 Evgenij Primakov
Controllo di autoritàVIAF (EN90776368 · ISNI (EN0000 0000 7861 4126 · LCCN (ENno97041472 · GND (DE119178230 · WorldCat Identities (ENlccn-no97041472
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie