Gennadij Ivanovič Voronov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gennadij Ivanovič Voronov

Presidente del Consiglio dei ministri della RSFS Russa
Durata mandato 23 novembre 1962 –
23 luglio 1971
Predecessore Dmitrij Poljanskij
Successore Michail Solomencev

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature III, IV, V, VI, VII, VIII
Circoscrizione Oblast' di Čita (III, IV), Oblast' di Orenburg (V, VI), Oblast' di Novosibirsk (VII, VIII)

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica

Gennadij Ivanovič Voronov (in russo: Геннадий Иванович Воронов?; Rameški, 31 agosto 1910, 13 agosto del calendario giulianoMosca, 1º aprile 1994) è stato un politico sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Governatorato di Tver', fu membro del Partito Comunista di tutta l'Unione dal 1931. Studiò all'Istituto industriale Kirov di Tomsk dal 1932 al 1936 e nell'anno accademico successivo fu all'Istituto di marxismo-leninismo di Novosibirsk. A seguire ebbe ruoli dirigenziali nel partito in Siberia e nel 1952 fu eletto nel Comitato Centrale del PCUS, di cui avrebbe fatto parte fino al 1975. Tra il 1961 e il 1973 fu membro del Politburo (fino al 1966 Presidium del Comitato centrale), mentre dal 1962 al 1971 fu Presidente del Consiglio dei ministri della RSFS Russa.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Lenin (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (2)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Voronov Gennadij Ivanovič, su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 16 luglio 2017.