Valle di Muggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valle di Muggio
Valle di Muggio.jpg
L'alta Valle di Muggio con Roncapiano a sinistra e Scudellate sullo sfondo.
StatiSvizzera Svizzera
Italia Italia
RegioniCantone Ticino
Lombardia
ProvinceDistretto di Mendrisio
Provincia di Como
Località principaliBreggia, Castel San Pietro, Centro Valle Intelvi
Coordinate: 45°53′59.64″N 9°02′43.8″E / 45.8999°N 9.0455°E45.8999; 9.0455

La Valle di Muggio (Vall da Mücc[1] in dialetto comasco[N 1]) è situata in Canton Ticino, nella Svizzera italiana, ed è la vallata montana più meridionale dell'intera Confederazione Elvetica. Costituisce il tratto superiore della Val Breggia, la quale prosegue poi in pianura, fino a raggiungere il Lago di Como.

Il suo territorio si estende principalmente nei comuni di Breggia e Castel San Pietro[2]. Dal punto di vista storico, geografico ed idrologico include anche la località italiana di Erbonne, nel comune di Centro Valle Intelvi; questo piccolissimo centro è legato al vicino abitato svizzero di Scudellate, e i suoi abitanti sono quasi tutti di cittadinanza svizzera. Erbonne è oggi collegata col resto della valle da un ponte in legno pedonale e ciclabile, inaugurato il 29 maggio 2005.

La valle deve il suo nome alla località di Muggio, che ne fu il centro storicamente più importante; Roncapiano è invece il villaggio più elevato, dove termina la strada carrozzabile. Nel paese di Cabbio è allestito il Museo etnografico della Valle di Muggio, descrittivo della realtà valligiana.

È percorsa interamente dal fiume Breggia, anche se questo nasce in territorio italiano (presso la citata Erbonne) e vi ritorna, sfociando nel Lago di Como; questo le dà la peculiarità di essere la sola valle montana in Svizzera ad essere compresa nel bacino idrografico del Lario e del fiume Adda.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zincarlin da la Vall da Mücc, su fondazioneslowfood.com.
  2. ^ Valle di Muggio, su hls-dhs-dss.ch.

Chiarimenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bernardino Biondelli, Saggio sui dialetti gallo-italici, 1853, p. 4.
    «Il Comasco esténdesi in quasi tutta la provincia di Como, tranne l'estrema punta settentrionale al di là di Menagio e di Bellano a destra ed a sinistra del Lario; e in quella vece comprende la parte meridionale del Cantone Ticinese, sino al monte Cènere. [...] Il Ticinese è parlato nella parte settentrionale del Cantone Svizzero d'egual nome, al norte del Monte Cènere, in parecchie varietà, tra le quali distinguonsi sopra tutto le favelle delle valli Maggia, Verzasca, Leventina, Blenio ed Onsernone»

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240535630 · GND (DE4549608-0 · WorldCat Identities (ENviaf-240535630