Uri Orlev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Uri Orlev, vero nome Jerzy Henryk Orlowski (Varsavia, 1931), è uno scrittore di romanzi e racconti israeliano, prevalentemente di letteratura per ragazzi.

Da giovane, durante l'occupazione tedesca della Polonia, Orlev visse nel ghetto di Varsavia con il fratello e la madre. Alla morte di quest'ultima, assassinata dai nazisti, i due fratelli furono deportati al campo di concentramento di Bergen-Belsen. Nel 1945, liberato dalla prigionia, Orlev si trasferì in Israele. La shoah è un tema ricorrente della sua opera.

Iniziò a scrivere nel 1976 e da allora ha pubblicato più di trenta libri di letteratura per ragazzi per lo più ispirati da esperienze personali o autobiografiche legate alla repressione nazista del popolo ebraico.

Dal suo romanzo semi-autobiografico è stato tratto il film L'isola in Via degli Uccelli.

I suoi libri sono stati tradotti dall'ebraico in 38 lingue diverse (fra le quali anche l'italiano).

Nel 1996 ha ricevuto il premio Hans Christian Andersen.
Nel 2003 ha ricevuto il Premio Cento per Corri ragazzo, corri.

Controllo di autorità VIAF: 32001066 LCCN: n79127803