Annie M. G. Schmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Annie M.G. Schmidt in una immagine del 1989.

Anna Maria Geertruida "Annie" Schmidt (Kapelle, 20 maggio 1911[1]Amsterdam, 21 maggio 1995[2]) è stata una scrittrice olandese.

La tomba di Annie M.G. Schmidt.

La sua produzione letteraria spazia dalla poesia alle canzoni, dalle opere teatrali a quelle per radio e televisione, ai musical, anche se è conosciuta principalmente per i suoi libri per ragazzi: nel 1988 vinse il Premio Hans Christian Andersen con la serie Jip e Janneke.

È stata definita "la più versatile e dotata autrice di libri per bambini nei Paesi Bassi",[3] la "madre della canzone teatrale olandese"[4] e la "regina della letteratura per bambini olandese",[5] è stata lodata per il suo "delizioso linguaggio tipicamente olandese"[6] ed è considerata una delle più grandi scrittrici olandesi.[2] Nel 2007, un gruppo di storici l'ha inclusa nel Canon van Nederland, paragonandola ad altre icone della storia olandese come Vincent van Gogh e Anna Frank.[7]

È morta il giorno dopo il suo 84º compleanno, scegliendo l'eutanasia[8] con un cocktail di farmaci e alcol.[9] È stata seppellita ad Amsterdam.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ van der Zijl, p. 22.
  2. ^ a b (NL) Frank Verhallen, Annie M.G. Schmidt 1911–1995, in Trouw, 22 maggio 1995. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  3. ^ Hunt e Bannister Ray, p. 703.
  4. ^ (NL) Frank Verhallen, Evergreen and chanson schitteren op Dag van het Nederlandse lied, in Trouw, 5 aprile 1993.
  5. ^ (NL) Lieke van Duin, Olifanten hadden vroeger neuzen, in Trouw, 4 gennaio 1995. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  6. ^ (NL) Marian Buijs, Alleen Annie Schmidt beschikt over het oer-Hollandse idioom, in de Volkskrant, 23 novembre 1999. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  7. ^ (NL) Annie M.G. Schmidt 1911-1995, Canon van Nederland. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  8. ^ (NL) Hein Janssen, Van Eyle is als Annie niet gewoon goed, maar magistraal, in de Volkskrant, 5 settembre 2003. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  9. ^ van der Zijl, p. 405.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21599 · ISNI (EN0000 0001 1815 6415 · LCCN (ENn80131284 · GND (DE119021765 · BNF (FRcb12012561q (data)