Trebigne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Trebinje" rimanda qui. Se stai cercando il comune dell'Albania, vedi Trebinjë.
Trebigne
comune
(BS) Trebinje
Trebigne – Veduta
Localizzazione
StatoBosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
EntitàFlag of Republika Srpska.svg Repubblica Serba
RegioneTrebigne
Amministrazione
SindacoLuka Petrovic
Territorio
Coordinate42°42′40″N 18°20′44″E / 42.711111°N 18.345556°E42.711111; 18.345556 (Trebigne)Coordinate: 42°42′40″N 18°20′44″E / 42.711111°N 18.345556°E42.711111; 18.345556 (Trebigne)
Altitudine275 m s.l.m.
Superficie904 km²
Abitanti31 433 (2013)
Densità34,77 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale89000
Prefisso059
Fuso orarioUTC+1
Codice FZS54
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bosnia ed Erzegovina
Trebigne
Trebigne
Trebigne – Mappa
Sito istituzionale
Fiume Trebisnjica

Trebigne[1][2] (in serbo Trebinje, Требиње) è un comune della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina situato al confine con la Croazia non lontano da Ragusa con 31.433 abitanti al censimento 2013[3].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Trebigne sorge nell'estremo sud-est della Bosnia-Erzegovina, a circa 30 km dalla città croata di Dubrovnik. È situata all'interno di una regione carsica ed è attraversata dal fiume Trebišnjica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu conquistata dagli Ottomani assieme a tutto il resto dell'Erzegovina nel 1482.

Nel corso della guerra di Bosnia fu stabilmente nelle mani delle truppe federali jugoslave che impiegarono la città come basi per le operazioni militari contro il porto croato di Dubrovnik. Nel 1992 fu proclamata capitale della Regione autonoma serba dell'Erzegovina.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Località[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Nova Gracanica
Chiesa Nova Gracanica
Ponte Arslanagić

Il territorio comunale comprende, oltre al capoluogo, i 177 centri abitati di Aranđelovo, Arbanaška, Arslanagića Most, Begović Kula, Bihovo, Bijelač, Bijograd, Bioci, Bodiroge, Bogojević Selo, Borilovići, Brani Do, Brova, Budoši, Bugovina, Cerovac, Cicina, Cicrina, Čvarići, Đedići, Desin Selo, Diklići, Do, Dobromani, Dodanovići, Dolovi, Domaševo, Donja Kočela, Donje Čičevo, Donje Grančarevo, Donje Vrbno, Donji Orovac, Dračevo, Dražin Do, Drijenjani, Dubljani, Dubočani, Duži, Glavinići, Gojšina, Gola Glavica, Gomiljani, Gornja Kočela, Gornje Čičevo, Gornje Grančarevo, Gornje Vrbno, Gornji Orovac, Grab, Grbeši, Grbići, Grkavci, Grmljani, Hum, Janjač, Jasen, Jasenica Lug, Jazina, Jušići, Klikovići, Klobuk, Konjsko, Korlati, Kotezi, Kovačina, Kraj, Krajkovići, Kremeni Do, Krnjevići, Kučići, Kunja Glavica, Lapja, Lastva, Lokvice, Lomači, Lug, Lušnica, Ljekova, Ljubovo, Marić Međine, Mesari, Mionići, Morče, Mosko, Mrkonjići, Mrnjići, Necvijeće, Nikontovići, Ograde, Orah, Orašje Površ, Orašje Zubci, Parojska Njiva, Petrovići, Pijavice, Podstrašivica, Podštirovnik, Podvori, Poljice Čičevo, Poljice Popovo, Prhinje, Pridvorci, Rapti Zupci, Rasovac, Sedlari, Skočigrm, Staro Slano, Strujići, Šarani, Šćenica Ljubomir, Taleža, Todorići, Trebijovi, Tuli, Tulje, Turani, Turica, Turmenti, Tvrdoš, Ubla, Ugarci, Ukšići, Uvjeća, Veličani, Velja Gora, Vladušići, Vlasače, Vlaška, Volujac, Vrpolje Ljubomir, Vrpolje Zagora, Vučija, Zagora, Zgonjevo, Žakovo, Ždrijelovići, Željevo e Župa, e parte dei centri abitati di Baonine, Orašje Popovo e Rapti Bobani.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Etnie e minoranze[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento tenuto in Bosnia ed Erzegovina nel 1991, la composizione etnica della popolazione era la seguente:

Intero comune:

Città:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra principale della città è il Fudbalski Klub Leotar.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Usporedno Talijansko-Hrvatsko nazivlje mjestat ("Tabella comparativa italiano/croato dei toponimi") pubblicata su Fontes (ISSN 1330-6804 (WC · ACNP), rivista scientifica croata edita dall'Archivio di Stato), giugno 2000.
  2. ^ Rade Petrovic, Il fallito modello federale della ex Jugoslavia, Rubbettino, 2005, p. 293.
  3. ^ Popolazione al censimento 2013 dal sito ufficiale (PDF), su bhas.ba. URL consultato il 9 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN158361670 · GND (DE4213210-1
Bosnia ed Erzegovina Portale Bosnia ed Erzegovina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bosnia ed Erzegovina