Srebrenica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Srebrenica
comune
Сребреница - Srebrenica
Srebrenica – Veduta
Localizzazione
Stato Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Entità Flag of Republika Srpska.svg Repubblica Serba
Cantone o regione Regione di Vlasenica
Amministrazione
Sindaco Osman Suljić (SDA)
Territorio
Coordinate 44°06′23.04″N 19°17′48.84″E / 44.1064°N 19.2969°E44.1064; 19.2969 (Srebrenica)Coordinate: 44°06′23.04″N 19°17′48.84″E / 44.1064°N 19.2969°E44.1064; 19.2969 (Srebrenica)
Altitudine 275 m s.l.m.
Superficie 527 km²
Abitanti 15 242 (2013)
Densità 28,92 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 75430
Prefisso +387 56
Fuso orario UTC+1
Codice FZS 43
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bosnia ed Erzegovina
Srebrenica
Sito istituzionale

Srebrenica (in serbo: Сребреница) è una città e un comune situato nella Bosnia ed Erzegovina orientale e appartenente all'entità della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina (Republika Srpska) con 15.242 abitanti al censimento 2013[1].

Srebrenica si trova in una zona montuosa e il nome della città significa "miniera d'argento" (in lingua serbo-croata "srebro" significa "argento"), dall'antico nome latino "Argentaria".

Prima del 1992 era attiva in città una fabbrica metallurgica, uno stabilimento termale che richiamava turisti da tutta l'ex-Jugoslavia, mentre nelle vicinanze erano operanti miniere di zinco, piombo e oro. Oggi le principali attività economiche sono l'estrazione di salgemma e gli stabilimenti termali.

Verso la fine della guerra in Bosnia, nel luglio 1995, Srebrenica è stato teatro del primo genocidio dalla fine della seconda guerra mondiale che vide il peggiore massacro di civili bosgnacchi da parte delle truppe paramilitari serbo-bosniache di Ratko Mladić. Nonostante ciò, Dayton ha lasciato Srebrenica nel territorio della Republika Srpska.

Il 24 marzo 2007, l'assemblea municipale di Srebrenica ha approvato una risoluzione che domanda l'indipendenza dalla Republika Srpska; i membri serbi dell'assemblea non hanno votato la risoluzione.[2]

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 erano presenti circa 4 000 Bosgnacchi nel comune, circa un terzo della popolazione.

Comune

Anno di censimento totale Musulmani di nazionalità Serbi Croati Jugoslavi altri
1991[1] 36,666 27,572 (75.19%) 8,315 (22.67%) 38 (0.10%) 380 (1.03%) 361 (0.98%)
1981 36,292 24,930 (68.69%) 10,294 (28.36%) 80 (0.22%) 602 (1.65%) 386 (1.06%)
1971 33,357 20,968 (62.85%) 11,918 (35.72%) 109 (0.32%) 121 (0.36%) 241 (0.72%)

Città di Srebrenica

Anno di censimento totale Musulmani di nazionalità Serbi Croati Jugoslavi altri
1991 5,746 3,673 (63.92%) 1,632 (28.40%) 34 (0.59%) 328 (5.70%) 79 (1.37%)

Comunità locali[modifica | modifica wikitesto]

Il comune (општина, "opština") è ulteriormente suddiviso nei seguenti villaggi o comunità locali (мјесне заједнице, "mjesne zajednice"): [2]

Genocidio di Srebrenica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi massacro di Srebrenica.

Nel corso della guerra in Bosnia (1992-1995) la città era una enclave bosniaca circondata da territori abitati da serbi bosniaci, e costituiva un'"area di sicurezza" controllata dalla Forza di protezione delle Nazioni Unite (UNPROFOR). L'11 luglio 1995 Srebrenica venne occupata e le truppe serbo-bosniache deportarono la popolazione e compirono il genocidio di Srebrenica, in cui furono giustiziati circa ottomila uomini e ragazzi bosniaci musulmani. Ciò che colpisce della strage, oltre alla crudeltà ed alla sistematicità con cui è stata commessa, è che i caschi blu olandesi presenti, appartenenti al contingente UNPROFOR, nulla fecero per prevenire lo sterminio, a causa del fatto che le Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU fino a quel momento votate, non davano alla Forza mezzi ed autorizzazione per agire.

I caschi blu olandesi hanno ricevuto dal ministro della difesa olandese (con l'appoggio della Commissione Europea) la medaglia d'onore per il coraggio mostrato a Srebrenica. Recentemente tuttavia, una corte olandese ha giudicato le truppe olandesi ONU corresponsabili di quanto accaduto a Srebrenica ed accordato alle famiglie delle vittime risarcimenti economici.

Il massacro di Srebrenica è anche conosciuto come "genocidio di Srebrenica", in quanto è stato considerato tale dal Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia il 19 aprile 2004, nel giudizio sul caso Krstic.[3] Tale giudizio è stato seguito dall'ammissione e le scuse per il massacro da parte del governo della Republika Srpska.[4]

Il Memoriale di Potocari che commemora il Genocidio di Srebrenica è stato inaugurato nel 2003 dall'ex Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Popolazione al censimento 2013 dal sito ufficiale. URL consultato il 9 novembre 2013.
  2. ^ Srebrenica pushes for partition su B92, 25 marzo 2007. URL consultato il 29 marzo 2007.
  3. ^ (EN) Prosecutor v. Radislav Krstić, Appeals Chamber Judgemen su icty.org, 19 aprile 2004. URL consultato il 26 marzo 2011.
  4. ^ BBC NEWS | Europe | Serbs sorry for Srebrenica deaths

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]