Trattato di Belgrado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trattato di Belgrado
Belgrade Treaty 1739.png
ContestoFine della guerra austro-turca del 1737-1739.
Firma18 settembre 1739
LuogoBelgrado
PartiImpero ottomano Impero ottomano
Banner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg Monarchia asburgica
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il trattato di Belgrado fu sottoscritto a Belgrado il 18 settembre 1739 tra i rappresentanti dell'Impero ottomano e quelli della monarchia asburgica[1].

Il trattato[modifica | modifica wikitesto]

Il trattato fu la conseguenza diretta della battaglia di Grocka del 22 luglio 1739, nella quale l'esercito austriaco guidato dal feldmaresciallo George Olivier Wallis, fu sconfitto dalle truppe ottomane al comando di Ahmet Pascià. Esso pose fine di fatto alla guerra austro-turca 1737-1739 nella quale l'Austria si era affiancata all'alleato Impero russo, già in guerra contro l'Impero ottomano dal 1735. Con questo trattato l'Austria perse tutte le conquiste territoriali ottenute con la pace di Passarowitz del 1718: dovette cedere agli Ottomani il Regno di Serbia asburgico (inclusa Belgrado), la parte meridionale del Banato di Temeswar e la Bosnia settentrionale. In aggiunta a questi territori gli Asburgo furono costretti a cedere alla Valacchia (stato vassallo degli Ottomani) la regione dell'Oltenia. In base a questo accordo la frontiera austro-turca fu fissata grossomodo sulla linea formata dai fiumi Sava e Danubio. Delle precedenti conquiste, ottenute grazie all'azione di Eugenio di Savoia, rimase all'Austria il solo parte del Banato.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La firma del trattato di Belgrado consentì agli Ottomani di liberare ingenti forze per la guerra contro la Russia che, impressionata per la sconfitta dell'Austria, si affrettò anch'essa a concludere con i turchi a Niš (3 ottobre 1739) la pace.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stephan Vajda, Storia dell'Austria, Bompiani, 2002, p. 262.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85012999