Pace di Kütahya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pace di Kütahya
ContestoGuerra ottomano-egiziana (1831-1833)
Firma1833
LuogoKütahya, Impero ottomano (Turchia)
PartiFlag of Muhammad Ali.svg Eyalet d'Egitto
Impero ottomano Impero ottomano
FirmatariFlag of Muhammad Ali.svg Mehmet Ali
Impero ottomano Impero ottomano sultano Mahmud II
voci di trattati presenti su Wikipedia

La pace di Kütahya (in arabo: اتفاقية كوتاهيه‎, Ittifāqiyya Kūtāhya, ossia "Accordo di Kütahya") del 1833[1] pose fine alla guerra ottomano-egiziana (1831-1833), provocata dalle mire espansionistiche della dinastia alawita sul litorale levantino. Gli accordi vennero negoziati per conto dell'impero ottomano dall'impero russo. A seguito del trattato, il viceré d'Egitto Mehmet Ali estese il suo dominio su Creta e Hijaz e ottenne la nomina del suo principe ereditario Ibrāhīm Pascià a wālī della Siria[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Convention of Kütahya, su Encyclopædia Britannica Online, 2011. URL consultato il 18 marzo 2011.
  2. ^ William L. Cleveland, A History of the Modern Middle East, Boulder, Co., Westview Press, 2009, p. 72.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cleveland, William L (2009), A History of the Modern Middle East, Boulder, Westview Press.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Turchia Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Turchia