Claude Alexandre de Bonneval

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Conte di Bonneval, chiamato in Turchia Ahmet Pascià, ritratto da Liotard

Claude Alexandre, conte di Bonneval, chiamato anche Humbaracht Ahmet Pascià (Coussac-Bonneval, 14 luglio 1675Costantinopoli, 23 marzo 1747), è stato un militare ed avventuriero francese che, convertitosi all’Islam, prestò servizio nell’esercito dell’impero ottomano.

La carriera in Francia[modifica | modifica wikitesto]

Bonneval proveniva da una nobile famiglia del Limosino. All'età di tredici anni entrò nella regia marina francese. Dopo tre anni si trasferì nell'esercito di terra, dove giunse presto al comando di un reggimento. Egli combatté nelle campagne d'Italia agli ordini Catinat, Vendôme e Villeroy e nei Paesi Bassi sotto il comando del maresciallo Luxembourg e mostrò il suo coraggio ed il suo talento militare. Tuttavia il suo insolente comportamento nei confronti del ministro della guerra Michel de Chamillard lo portò nel 1704 dinnanzi al tribunale di guerra. Fu condannato a morte ma si salvò fuggendo in Germania.

Al servizio dell'Austria[modifica | modifica wikitesto]

Grazie all'intervento del principe Eugenio di Savoia ottenne un comando quale generale nell'esercito austriaco e combatté la Guerra di successione spagnola contro la Francia distinguendosi per le sue capacità. Partecipò alla battaglia di Malplaquet (11 settembre 1709) e successivamente alla guerra contro i turchi, rimanendo ferito nella battaglia di Petervaradino (5 agosto 1716). Il suo comportamento in Francia nel frattempo fu dimenticato cosicché egli poté rientrare a Parigi per sposare la figlia del maresciallo de Biron (maggio 1717). Tornò quindi in tempo in Austria per prendere parte all'assedio di Belgrado (conquistata il 16 agosto 1717).

Aveva a quel momento raggiunto un alto rango ma i suoi rapporti con Eugenio di Savoia si guastarono. Quest'ultimo lo mandò nei Paesi Bassi come comandante d'artiglieria ove Bonneval, a causa del suo temperamento sfacciato, litigò con il marchese di Prié[1], il rappresentante di Eugenio come Statolder, che lo fece imprigionare e portare dinnanzi ad un tribunale di guerra. Fu anche questa volta condannato a morte ma l'imperatore mutò la pena in un anno di carcere cui sarebbe seguito il bando dall'impero. Portato a Vienna, privato dei suoi beni, fu infine spedito prigioniero a Venezia.

Al servizio dell'Impero ottomano[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua liberazione Bonneval offrì i suoi servigi al sultano Ahmed III che accettò. Convertitosi all'Islam ed assunto il nome di Ahmet divenendo Pascià. Ebbe l'incarico di ristrutturare e potenziare l'artiglieria turca, operazione che compì con successo. Nel 1739, quale comandante dell'armata turca dei Balcani, affrontò l'esercito austriaco comandato da George Olivier Wallis presso Grocka (22 luglio 1739) e lo sconfisse. Questa vittoria portò l'Austria alla trattativa di pace che si concluse a Belgrado il 18 settembre 1739 e con la quale l'impero ottomano riottenne quasi tutti i territori dei Balcani persi vent'anni prima con le vittorie di Eugenio di Savoia. Bonneval servì ancora nell'esercito turco in Russia e come riconoscimento dei suoi servigi ottenne il governatorato dell'isola di Chio. A causa di sospetti pervenuti alla Sublime Porta, venne per qualche tempo esiliato sulle coste del Mar Nero. Allora pensò ad un suo ritorno in Europa ma la morte lo colse prima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ercole Turinetti, marchese di Priero (Prié in piemontese), era un nobile italiano originario della Savoia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19812753 · ISNI (EN0000 0000 7971 5439 · LCCN (ENn84037240 · GND (DE11866154X · BNF (FRcb130147580 (data) · BAV ADV11144121 · CERL cnp00102519
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie