Traforo del Cornello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Traforo del Cornello
StatoItalia Italia
LocalizzazioneUmbria Umbria
Marche Marche
PortaliFiuminata - Nocera Umbra
Lunghezza4,00 km
Numero di canne1
Annotazioni
Costruzione interrotta, opera incompiuta

Il traforo del Cornello è un traforo stradale a canna unica, parzialmente iniziato nel tratto marchigiano, situato nell'Appennino umbro-marchigiano, quasi al confine con l'Umbria. La sua costruzione rientra nel più ampio progetto di un collegamento di sei chilometri, giudicato strategico per l’attraversamento interregionale Marche-Umbria.[senza fonte] Oltre a migliorare notevolmente la viabilità locale, l'infrastruttura costituirebbe il punto nodale di un asse oggi mancante tra il versante adriatico e quello umbro di questa parte dell'Italia centrale ed è essenziale per lo sviluppo dei comuni dell'alta vallata del Potenza.[1]

Caratteristiche e ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

La galleria ha inizio sul versante marchigiano nel territorio del comune di Fiuminata in provincia di Macerata, in località poggio Sorifa di Fiuminata; l'opera che collegherebbe il versante umbro della dorsale appenninica a quello marchigiano, passando per Nocera Umbra dopo un percorso di 700 metri si interrompe. La galleria come pure il viadotto d'accesso, costati 6 miliardi di lire dell'epoca (1994) e stimabili in almeno 12 milioni di euro attuali (2011), sono inutilizzati. La galleria nei progetti redatti sarebbe dovuta terminare nello svincolo Flaminia Nuova, località Poggio Parrano di Nocera Umbra e innestarsi nella Strada statale 3 Via Flaminia.[1][2]

Storia e progetti futuri[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto è stato approvato nel 1990 dal consiglio di amministrazione dell'ANAS, il progetto esecutivo del traforo prevedeva due lotti, uno per l'Umbria (di 3.100 metri) e l'altro per le Marche (900 metri); l'opera viene appaltata nel 1993, la parte di traforo marchigiana è stata realizzata per 500 metri prima che i lavori si interrompessero. I lavori della parte umbra, che comprenderebbero la realizzazione del raccordo con la Flaminia e il completamento della galleria, non sono partiti, nonostante il parere favorevole dato nel 1999 dalla Regione sull'impatto ambientale e l'approvazione, sempre nel ‘99, del progetto esecutivo da parte del ministero dei Lavori pubblici. Il traforo rappresenterebbe per Nocera Umbra una via di collegamento diretta con le Marche. Non esistono al momento progetti di completamento dei lavori. Attualmente (2017) l'opera può essere considerata un'incompiuta.[3] [3] [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il traforo della vergogna: uno scandalo da 12 milioni dal sito web ilrestodelcarlino.it, su ilrestodelcarlino.it. URL consultato il 17 luglio 2011.
  2. ^ Traforo del Cornello, un'incompiuta da 12 milioni di euro dal sito web multimedia.quotidiano.net, su multimedia.quotidiano.net. URL consultato il 17 luglio 2011.
  3. ^ a b L'incompiuta del Cornello, "Un danno incalcolabile dal sito web ilrestodelcarlino.it, su ilrestodelcarlino.it. URL consultato il 17 agosto 2011.
  4. ^ La strategicità del traforo del Cornello, su folignonotizie.blogspot.com. URL consultato il 17 luglio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]