Tomislavo Karađorđević

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Principe Tomislavo
Nascita Belgrado, 19 gennaio 1928
Morte Topola, 12 luglio 2000 (72 anni)
Luogo di sepoltura Chiesa di San Giorgio (Oplenac)
Padre Alessandro I di Jugoslavia
Madre Maria di Romania
Coniugi Margherita di Baden
Linda Mary Bonney
Figli principe Nicola di Jugoslavia
principessa Caterina di Jugoslavia
principe Giorgio
principe Michele

Tomislavo Karađorđević (Belgrado, 19 gennaio 1928Topola, 12 luglio 2000) è stato un principe serbo, secondogenito di Alessandro I di Iugoslavia e di Maria di Romania e quindi fratello minore di Pietro II di Iugoslavia.

Venne battezzato, con acqua dei fiumi Danubio, Vardar e del Mare Adriatico, il 25 gennaio in un salone del Palazzo Nuovo a Belgrado: tra i padrini, rappresentato per procura, re Giorgio V del Regno Unito. Studiò dapprima nel palazzo di Belgrado, per poi studiare dal 1937 al 1941 alla scuola di Sandroyd Cobham, in Inghilterra, poi alla Oundle School dal 1941 al 1946 ed infine al Clare College fino al 1947.

Verso la fine della guerra, per le pressioni dal Primo ministro britannico Winston Churchill, il re Pietro II passò i suoi poteri ad un comitato di reggenza controllato dal leader comunista Josip Broz Tito, che impose all'Assemblea Costituente l'abolizione della monarchia (29 novembre 1945) e che l'8 marzo 1947 annullò la cittadinanza e confiscò ogni bene alla famiglia reale.

Dopo Cambridge, il principe Tomislavo decise di dedicarsi alla coltivazione della frutta: mentre studiava all'università lavorò d'estate, impiegandosi in un frutteto nel Kent. Nel 1950 comprò un podere nell'ovest del Sussex e successivamente si specializzò nella coltivazione delle mele, possedendo alla fine 17.000 alberi su 80 ettari di terra.

Attività pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Tomislavo fu molto attivo verso gli emigrati serbi, organizzando numerose celebrazioni ed incontri nel suo podere e partecipando ad organizzazioni ed iniziative umanitarie. Fu presidente del Comitato jugoslavo d'aiuto ai soldati anziani, protettore della chiesa lazarica a Birmingham e presidente del comitato per il restauro del monastero di Hilandar sul Monte Athos. Era inoltre un alto membro del Venerabile Ordine di San Giovanni.

Durante lo scisma della Chiesa ortodossa serba, durato dagli anni sessanta fino al 1992, si schierò fermamente con il Patriarca di Belgrado, sostenendolo pubblicamente con l'emigrazione serba.

Ritorno in patria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 rifiutò l'offerta del Partito Democratico di essere il loro candidato presidenziale nelle prime elezioni del dopoguerra previste per dicembre di quell'anno. Fu infatti il primo membro della famiglia reale che si trasferì permanentemente in Serbia, all'inizio del 1992, scegliendo come propria residenza il complesso della Fondazione Pietro I a Oplenac, presso Topola, che presto divenne la meta di tutti coloro che desideravano venire a contatto personalmente con il principe, ultimo figlio vivente del re Alessandro I.

Presto si trasformò in una figura altamente popolare, particolarmente per le sue frequenti visite ai soldati serbi nella Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina e nella Repubblica Serba di Krajina e per i sussidi che erogava assieme alla moglie, la principessa Linda. Ci furono iniziative affinché divenisse principe della Bosnia-Erzegovina serba, che tuttavia furono rifiutate dai politici locali.

Dopo aver pubblicamente accusato l'allora presidente Slobodan Milošević di avere "tradito" la repubblica serba di Krajina, dopo il fallimento dell'operazione militare "tempesta" all'inizio di agosto del 1995, la sua presenza sui media fu drasticamente ridotta. I cinque ultimi anni della sua vita furono segnati da una battaglia contro una malattia terminale: tuttavia rifiutò le possibilità di farsi operare all'estero quando le forze della NATO cominciarono a bombardare la Repubblica Federale di Iugoslavia il 24 marzo 1999, scegliendo di rimanere a vivere assieme alla nazione, visitando i luoghi bombardati persino quand'era seriamente malato.

Morì il 12 luglio 2000, giorno dei santi Pietro e Paolo per il calendario giuliano, santi patroni della cripta della chiesa di San Giorgio (Oplenac), pantheon della famiglia reale serba, dove venne sepolto anch'esso, dopo un funerale celebrato alla presenza di molte migliaia di persone.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Tomislavo si sposò il 7 giugno 1952 a Salem nel Baden con la principessa Margherita di Baden. Divorziarono e nel 1982 si risposò con Linda Mary Bonney. Ha avuto dalle mogli quattro figli.

  • Principe Nicola (1958), ha sposato Ljiljana Licanin e ha una figlia, principessa Maria.
  • Principessa Caterina (1959), ha sposato Sir Desmond de Silva (divorziato) e ha una figlia, Victoria de Silva.
  • Principe Giorgio (1984), ha sposato Fallon Rayman.
  • Principe Michele (1985), ha sposato Ljubica Ljubisavljević e ha una figlia, principessa Natalia.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Aleksandar Karađorđević, principe di Serbia Príncipe Karađorđe Petrović  
 
Jelena Jovanović  
Pietro I di serbi, croati e sloveni  
Persida Nenadović Voivoda Jevrem Nenadović  
 
Jovanka Milovanović  
Alessandro I di Jugoslavia  
Nicola I del Montenegro Mirko Petrović-Njegoš, Granduca di Grahovo  
 
Anastasija Martinović  
Zorka del Montenegro  
Milena Vukotić Voivoda Petar Šćepanov Vukotić  
 
Jelena Voivodić  
Tomislavo di Jugoslavia  
Leopoldo, principe di Hohenzollern Carlo Antonio, principe di Hohenzollern  
 
principessa Giuseppina di Baden  
Ferdinando I di Romania  
infanta Antonia del Portogallo Ferdinando II del Portogallo  
 
Maria II di Portogallo  
Maria di Jugoslavia  
Alfredo, duca di Sassonia-Coburgo-Gotha principe Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
principe consorte del Regno Unito
 
 
Regina Vittoria  
principessa Maria di Edimburgo  
granduchessa Marija Aleksandrovna di Russia Alessandro II di Russia  
 
principessa Maria d'Assia e del Reno  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze jugoslave[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella dei Karađorđević - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella dei Karađorđević
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Bianca
Cavaliere di I classe dell'Ordine della Corona di Jugoslavia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine della Corona di Jugoslavia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Membro del Venerabile Ordine di San Giovanni - nastrino per uniforme ordinaria Membro del Venerabile Ordine di San Giovanni
Membro dell'Ordine della Fedeltà - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine della Fedeltà
Membro dell'Ordine di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine di Hohenzollern

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84361754 · ISNI (EN0000 0000 6160 8600 · LCCN (ENno2001002161 · GND (DE122683811 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001002161