Milena Vukotić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'attrice italiana, vedi Milena Vukotic.
Milena Vukotić
Queen Milena of Montenegro.jpg
Regina consorte del Montenegro
Stemma
In carica 1910 - 1918
Predecessore sé stessa come Principessa consorte del Montenegro
Successore Jutta di Meclemburgo-Strelitz
Principessa consorte del Montenegro
In carica 1860-1910
Predecessore Darinka Kvekic
Successore séstessa come Regina consorte del Montenegro
Reggente del Montenegro
In carica 1921-1922
Nome completo Milena Petrova Vukotić
Nascita Cettigne, Montenegro, 4 maggio 1847
Morte Antibes, 16 marzo 1923 (75 anni)
Luogo di sepoltura Chiesa della Nascita della Vergine, Cettigne
Casa reale Vukotić
Padre Voivoda Petar Šćepanov Vukotić
Madre Jelena Vojvodić
Consorte Nicola I del Montenegro
Figli Zorka
Milica
Anastazija
Marija
Danilo
Jelena
Ana
Sofija
Mirko
Ksenija
Vera
Petar
Religione cristiana ortodossa
Firma SMilena.JPG

Milena Vukotić, o Milena del Montenegro[1] (Cettigne, 4 maggio 1847Antibes, 16 marzo 1923), fu la prima regina consorte del Montenegro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo reale di Cettigne nel 1911

Nata nel villaggio di Čevo, Milena era la figlia del voivoda Petar Šćepanov Vukotić,[1], e di sua moglie, Jelena Vojvodić. Suo padre era un comandante militare e ricco proprietario terriero, la cui famiglia aveva larga influenza nell'area montenegrina e un intimo amico di Mirko Petrović-Njegoš, del quale era stato commilitone nelle guerre d'indipendenza del Montenegro. I due amici decisero di consolidare la loro alleanza con l'unione dei loro figli. Nel 1853, Milena, a soli sei anni, fu promessa in sposa all'unico figlio di Mirkos, Nicola, di dodici anni[2]. Nel 1856, dopo la morte della madre, Milena venne inviata a Cettigne per essere educata alla corte di cui poi sarebbe divenuta sovrana e, soprattutto, per imparare i rudimenti della cultura che non aveva mai ricevuto entro le mura domestiche, a tal punto da presentarsi completamente illetterata. Ella studiò con Gorde, figlia di Mirko Petrović-Njegoš e sua futura cognata[3]. Durante i quattro anni di preparazione, Milena si avvicinò molto alla famiglia principesca del Montenegro: «Mio padre e mia madre la amavano come se fosse una loro figlia» scriverà più tardi re Nicola «Anche il mio defunto zio (il principe Danilo) l'amava molto e la trattava come una figlia, e lei gli mostrava il suo amore e il suo rispetto in ogni modo. Era bella, dolce, educata, gentile e devota»[4]. In quegli anni Milena vedeva raramente il suo futuro sposo[5]. Nicola, nel frattempo, studiava all'estero, prima a Trieste e poi a Parigi.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

L'assassinio del principe Danilo, il 13 agosto 1860, portò inaspettatamente Nicola sul trono di regnante del Montenegro all'età di diciotto anni. Poco dopo la sua ascesa, Nicola si trovò vicino alla morte a causa di una pleurite[5]. Intenzionato quindi a sposarsi per garantire un erede al trono paterno, Nicola prese in moglie Milena l'8 novembre 1860 nella chiesa di Vlach, nella valle del monte Lovćen[4][6]. Dei preparativi del matrimonio si occupò attivamente il padre di Milena, il quale venne mandato in ambasceria a San Pietroburgo presso la corte dello zar Alessandro II di Russia, il principale tra gli alleati del Montenegro, affinché approvasse l'unione dei due giovani.

Dall'unione nacquero dodici figli, di cui tre maschi e nove femmine.[1] Tra queste ultime, sei andarono in spose a famiglie reali o aristocratiche d'Europa, permettendo l'accesso del Montenegro agli affari politici europei.[7]

Regina consorte[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni di Milena come principessa consorte furono difficili. Era inesperta ed era una figura solitaria inizialmente messa in ombra dalla principessa Darinka, vedova del principe Danilo, che era vicina a Nicola[8]. Durante i primi quattro anni del suo matrimonio, non nacquero figli. Imparò la lingua francese e affermò la sua posizione dopo che Darinka lasciò il Montenegro per sempre. Il rapporto di Milena con suo marito si è consolidato con il tempo. Mentre suo marito era in visita in Austria-Ungheria e Russia nell'inverno 1868-1869, Milena era incaricata degli affari di corte[8].

Aveva visitato Istanbul con suo marito dopo l'invito del sultano Abdulhamid nel 1899.

Milena non nascose la sua disapprovazione nei confronti dell'abiura all'Ortodossia pronunciata dalla figlia Elena al fine di sposare con rito cattolico Vittorio Emanuele di Savoia, erede al trono del Regno d'Italia.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Milena fu costretta all'esilio con il re Nicola in Francia dal novembre 1918, a causa dell'occupazione serba. Morì ad Antibes nel 1923 e venne tumulata nella cripta della chiesa russa di Sanremo. Nel 1989 i resti della famiglia reale montenegrina furono trasferiti a Cettigne, ex capitale del Montenegro.

A dieci anni dalla morte, in sua memoria e in omaggio alla figlia regina Elena, su proposta del podestà locale, il suo nome fu assunto con Regio Decreto n. 1794 del 4 dicembre 1933 dal comune di Milena, in provincia di Caltanissetta, fino ad allora Milocca - per pochi mesi Littoria Nissena -.[9]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni
Peter Perkov Vukotić Petar Vukotić  
 
Jelena Vervodić  
voivoda Petar Šćepanov Vukotić  
Stana Milić  
 
 
Milena Vukotić  
Tadija Vojvodić Granduca Mirko Petrović-Njegoš  
 
Anastasija Martinović  
Jelena Vojvodić  
Milica Pavićević  
 
 
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze montenegrine[modifica | modifica wikitesto]

Dama dell'Ordine dei Petrović-Njegoš - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine dei Petrović-Njegoš
Dama di Gran Croce dell'Ordine del Principe Danilo I - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine del Principe Danilo I
Dama dell'Ordine di San Pietro di Cettigne - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine di San Pietro di Cettigne

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Dama dell'Ordine di Elisabetta - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine di Elisabetta
Dama dell'Ordine al merito civile (Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine al merito civile (Bulgaria)
Dama dell'Ordine di Santa Caterina - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine di Santa Caterina
Dama dell'Ordine di Santa Isabella - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine di Santa Isabella

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Darryl Lundy, Milena Vukotic, su The Peerage. A genealogical survey of the peerage of Britain as well as the royal families of Europe, 2 marzo 2009. URL consultato il 29 agosto 2010.
  2. ^ Sbutega, p. 46.
  3. ^ Houston, Nikola & Milena, p. 86
  4. ^ a b Houston, Nikola & Milena, p. 87
  5. ^ a b Houston, Nikola & Milena, p. 85
  6. ^ Milestones: Mar. 24, 1923, Time.com, 24 marzo 1923. URL consultato il 9 aprile 2015.
  7. ^ Sbutega, p. 59.
  8. ^ a b Houston, Nikola & Milena, p. 103
  9. ^ Storia del comune, su Comune di Milena "Paese delle Robbe". URL consultato il 13 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antun Sbutega, Storia del Montenegro, Soveria Mannelli, Rubbettino 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principessa consorte del Montenegro Successore
Darinka Kvekić 8 novembre 1860 – 28 agosto 1910 se stessa come regina consorte
Predecessore Regina consorte del Montenegro Successore Coat of arms of the Kingdom of Montenegro.svg
se stessa come principessa consorte 28 agosto 1910 – 26 novembre 1918 estinzione del regno del Montenegro
Predecessore Reggente del Montenegro Successore
titolo inesistente 1921-1922
con Michele I
durante l'occupazione serba del Montenegro
titolo abolito
Controllo di autoritàVIAF (EN310508652 · GND (DE1054441707 · BNF (FRcb169556860 (data)