Timofej Krickij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Timofej Krickij
Timofej Kritskij under Tour des Fjords 2013.JPG
Timofej Krickij al Tour des Fjords 2013
Nazionalità Russia Russia
Altezza 190[1] cm
Peso 83[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2015
Carriera
Squadre di club
2007 Premier
2008-2009 Katusha Continental
2010 Katusha
2011 Itera-Katusha
2012-2013 Katusha
2014 RusVelo
Nazionale
2011 Russia Russia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Salisburgo 2005 In linea Jrs
Statistiche aggiornate al gennaio 2018

Timofej Viktorovič Krickij (in russo: Тимофей Викторович Крицкий?, angl. Timofey Kritskiy; Černenko, 24 gennaio 1987) è un ex ciclista su strada russo, professionista dal 2010 al 2014, con caratteristiche da passista.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 si fa notare ai giochi olimpici giovanili europei, vincendo la prova in linea e raggiungendo il secondo posto in quella a cronometro. Tra gli juniores nel 2005 sfiora il successo nella prova in linea di categoria ai campionati del mondo di Salisburgo, cogliendo la medaglia d'argento alle spalle del connazionale Ivan Rovnyj. Nel 2007 è ingaggiato dalla Premier, formazione russa e l'anno seguente passa alla Katusha, venendo integrato nella squadra Continental. Tra le quindici vittorie messe a segno tra il 2008 e il 2009, spicca il successo alla Côte Picarde 2009. Nello stesso anno conquista una frazione e il secondo posto nella classifica finale del Tour de Bretagne.

Nel 2010 è promosso alla prima squadra della Katusha, dov'è riconfermato anche per la stagione seguente; con l'arrivo in squadra di Danilo Di Luca, nel 2011, Krickij viene però retrocesso nuovamente nella formazione Continental.[3] Nel 2012 è reintegrato nella prima formazione della Katusha. Nel 2013 la RusVelo annuncia di averlo messo sotto contratto dalla Katusha a partire dalla stagione 2014: in questa formazione Krickij va ad assumere il ruolo di leader.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 (Juniores, una vittoria)
Cup of Grudziadz Town President
  • 2005 (Juniores, una vittoria)
Omloop der Vlaamse Gewesten
  • 2008 (Katusha Continental Team, nove vittorie)
3ª tappa Trois Jours de Vaucluse
Vienne Classic Espoirs
3ª tappa Boucle de l'Artois
Classifica generale Boucle de l'Artois
Memorial Oleg Dyachenko, Under-23
Mayor Cup
4ª tappa Tour Alsace
1ª tappa Grand Prix Tell
Classifica generale Grand Prix Tell
  • 2009 (Katusha Continental Team, sei vittorie)
La Côte Picarde
6ª tappa Tour de Bretagne
Prologo Five Rings of Moscow
Classifica generale Five Rings of Moscow
2ª tappa Mi-août en Bretagne
6ª tappa Tour de l'Avenir
  • 2011 (Itera-Katusha, due vittorie)
3ª tappa Tour de Bulgarie
7ª tappa Tour de Bulgarie
  • 2014 (RusVelo, due vittorie)
1ª tappa Grand Prix Udmurtskaya Pravda
7ª tappa Tour of Qinghai Lake

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Criterium di Schaffen, Under-23
3ª tappa Tour des Fjords (cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Verona 2004 - Cronometro Junior: 34º
Salisburgo 2005 - Cronometro Junior: 13º
Salisburgo 2005 - In linea Junior: 2º
Copenaghen 2011 - In linea Elite: 161º
Firenze 2013 - Cronometro a squadre: 11º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Kritskiy Timofey, su rusvelo.pro. URL consultato il 16 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2014).
  2. ^ Redazione Spaziociclismo, Presentazione RusVelo 2014, alla ricerca di quel qualcosa in più, in Spaziociclismo.it, 12 febbraio 2014. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).
  3. ^ Redazione Spaziociclismo, Katusha, l'arrivo di Di Luca costringe Kritskiy a tornare in continental, in Spaziociclismo.it, 12 gennaio 2011. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).
  4. ^ Riccardo Zucchi, RusVelo, arriva Timofey Kritskiy dalla Katusha, in Spaziociclismo.it, 24 settembre 2013. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]