Dobrič

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando toponimi quasi omografi, vedi Dobříč .
Dobrič
comune
Добрич
Dobrič – Stemma
Localizzazione
Stato Bulgaria Bulgaria
Distretto Dobrič
Territorio
Coordinate 43°34′N 27°49′E / 43.566667°N 27.816667°E43.566667; 27.816667 (Dobrič)Coordinate: 43°34′N 27°49′E / 43.566667°N 27.816667°E43.566667; 27.816667 (Dobrič)
Altitudine 225 m s.l.m.
Abitanti 90 375 (2005)
Altre informazioni
Cod. postale 9399
Prefisso (+359) 058
Fuso orario UTC+2
Targa TX
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bulgaria
Dobrič
Dobrič

Dobrič (Добрич in bulgaro; nomi storici: Hacıoğlu Pazarcık in turco, Bazargic in rumeno, Tolbuhin durante l'epoca socialista) è una città della Bulgaria nord-orientale di 111.000 abitanti, a 45 km a nord di Varna.

È capitale dell'omonimo distretto (4707 km2; 258.000 abitanti) che si estende nella sezione nord-orientale del paese, al confine con la Romania. La popolazione ha una componente importante che è di origine turca. Rilevante è anche la presenza gitana.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale nome è stato attribuito alla città dal governante dobrugiano Dobrotitsa nel 14° secolo[1], e deriva dalla radice slava dobr, buono[2] .

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime testimonianze di insediamento nell'area di Dobrič risalgono al periodo tra il IV e il III secolo A.C.. Con il nome latino di Abrittum, la città era parte della provincia romana di Moesia, abbastanza importante per diventare diocesi suffraganea del Metropolita della capitale provinciale Marcianopoli. La diocesi scomparve in seguito, con il sostanziale ritiro del cattolicesimo dalla regione.

Numerose rovine databili rispettivamente tra il II e il IV secolo D.C. e il VIII e XI secolo D.C. testimoniano la continua presenza umana nell'area. Tra questi è stata rinvenuta anche una necropoli pagana bulgara nell'attuale centro città. Verso la fine dell'XI secolo, l'invasione dei Peceneghi devastò l'interno della Dobrugia, spopolando la zona, nell'epoca del Secondo impero bulgaro.

Nel XVI secolo, in pieno dominio ottomano, la città fu rifondata dal mercante turco Hacıoğlu Pazarcık, e venne ribattezzata con il suo nome per i successivi 200 anni. Secondo le statistiche ottomane del 1646-1650, Hacıoğlu Pazarcık contava oltre 1.000 case, 100 negozi, 3 locande, 3 bagni turchi, 12 moschee e 12 scuole. Tra il XVII e il XIX secolo, la città divenne un importante emporio commerciale, centro artigianale e agricolo, conosciuta per i settori tessile, conciario e alimentare.

All'inizio del XIX secolo , la popolazione della città raggiunse le 12.000 persone, molti dei quali rifugiati in seguito alle numerose guerre russo-turche. Con il risveglio nazionale bulgaro, anche l'aspetto esteriore della città iniziò a mutare. Meno soggetti alla loro condizione di dhimmi, e sempre meno timorosi del dominio turco, i bulgari edificano la prima chiesa ortodossa nel 1843. Il 27 gennaio 1878 la città venne definitivamente liberata dal giogo ottomano, e riacquisì l'antico nome Dobrič nel febbraio 1882.

Con il Trattato di Bucarest del 1913, confermato dal Trattato di Neuilly (1919), la città di Dobrič fu assegnata alla Romania: venne ribattezzata Bazargic, trasformazione del nome turco Hacıoğlu Pazarcık, e assegnata alla Contea di Caliacra (Judeţ Caliacra in romeno). Tale situazione perdurò fino al 1940, anno la Dobrugia tornò alla Bulgaria, con la conseguente scomparsa della Contea di Caliacra e il ritorno della città al nome bulgaro. Durante l'epoca socialista nel XX secolo, la città venne ribattezzata Tolbuhin in onore dell'omonimo maresciallo sovietico che aveva guidato le truppe in Romania e in Bulgaria alla fine della Seconda Guerra mondiale, contribuendo così a legare le sorti del Paese a quelle dell'Unione Sovietica.
Infine, il 19 settembre 1990, un decreto presidenziale restituì alla città l'originario nome di Dobrič, sebbene le targhe automobilistiche riportino ancora oggi per Dobrič la sigla sovietica della città, TX (da ТолбуХин, letto in bulgaro come "TH" da TolbuHin ). Inoltre, nonostante il cambio di nome, architettonicamente Dobrič mantiene ancora oggi l'aspetto di una città ex socialista.

Al poeta Jordan Jovkov, che visse e insegnò a Dobrič, è dedicato un piccolo ma interessante museo.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Al 2012, il comune di Dobrič contava 90.375 abitanti, che raggiungevano i 112.203 abitanti nell'intera area metropolitana. Il numero è in calo rispetto ai valori del periodo 1986-1991, e in particolare rispetto al valore massimo, raggiunto nel 1991, di oltre 110.000 abitanti nella sola area comunale[3].

Composizione etnica e religiosa[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Giorgio a Dobrič

In accordo con i dati del censimento ufficiale, la composizione etnica di Dobrič è la seguente[3]:

  • 87,5% bulgari
  • 8,1% turchi
  • 2,9% rom
  • 0,5% altri
  • 0,8% non definibili
  • 7,5% non dichiarati

Le professioni religiose si dividono tra[3]:

La più antica chiesa di Dobrič è quella di San Giorgio, situata nel centro città. Venne costruita nel 1864, in pieno risveglio nazionale, sulle rovine della più antica chiesa del 1843, bruciata durante la Guerra di Crimea, insieme ad alcuni quartieri della parte bassa della città.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (BG) Иван Петрински, Българският език: възродителен процес за имената на месеците, in Истинската история на България, Sofia, Ciela, 2008, ISBN 978-954-28-0286-0.
  2. ^ (EN) Dizionario Etimologico Vasmer
  3. ^ a b c (BG) Istituto nazionale di statistica bulgaro, censimento 2011, nsi.bg. URL consultato il 16/01/2016.
  4. ^ città gemellate dal sito di Costanza, primaria-constanta.ro. URL consultato il 25-07-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN234220882 · GND: (DE4227922-7 · BNF: (FRcb145225883 (data)
Bulgaria Portale Bulgaria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bulgaria